SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si parla di “transizione ecologica” e la Cna Picena fa suo questo tema soprattutto in relazione al settore Moda: è previsto infatti, dal prossimo 17 febbraio, l’avvio di un corso di Cna Federmoda, assieme a Legambiente, su sostenibilità ed ecologia.

“Cna Federmoda di Ascoli Piceno ritiene che debba essere posto al centro il tema della manifattura, e la filiera moda deve essere esplicitamente dichiarata strategica, questo per tutto quello che implica e che genera attraverso un indotto che va oltre il settore, diffondendo ricchezza. La moda gioca un ruolo di marketing diffuso trasmettendo nel mondo un sentiment portatore di attenzione verso l’Italia e i suoi territori” si legge in una nota. 

“Interessante sarebbe pensare una progettualità che prendesse in considerazione il tema della ricollocazione territoriale dell’industria o di una nuova attenzione ai distretti. Questo porterebbe ad innescare diverse combinazioni positive – continua – Gli interventi dovrebbero prevedere investimenti infrastrutturali per facilitare mobilità e connessione. Investimenti nella conoscenza rilanciando una stagione dedicati ai Centri di Ricerca e alla formazione professionale aumentando in questo caso le risorse dedicate all’apprendistato duale”.

“Il rilancio di una politica distrettuale potrebbe preludere ad una politica di collaborazioni, aggregazioni, messa in rete di imprese – aggiunge Doriana Marini, vice presidente nazionale e presidente regionale di Cna Federmoda Marche – modalità indispensabili per la miglior partecipazione alle dinamiche mondiali ed alla possibilità di intercettare le catene globali del valore. Un investimento nella direzione qui accennata porterebbe ad avviso di Cna Federmoda un arricchimento generale delle aree interessate e più in generale al Paese portando di rimbalzo risorse sui territori poi investibili in cultura e turismo”.

“Un imponente lavoro deve essere poi dedicato al tema giovani – aggiunge Francesco Balloni, direttore della Cna Picena – nel senso di costruire un percorso che porti al mondo del lavoro sia come dipendenti che come imprenditori. Necessaria una revisione forte degli Istituti Tecnici e Professionali. Dobbiamo rivedere la formazione dedicata al mondo della produzione riportando  al centro la manifattura. Dobbiamo preparare nuovi tecnici, ma anche pensare alla nostra tradizione artigianale riportando attenzione alla manualità abbinata all’innovazione tecnologica”.

“Riportare corsi adeguati anche nell’Ipsia della nostra provincia – continua – affinché vi siano formate figure che possono apportare valore aggiunto ad aziende che potranno tornare a competere con mercati nazionali ed internazionali, sia per stimolare l’autoimprenditorialità. Per far fronte a quest’ultimo aspetto dell’autoimprenditoriale necessario adeguamento delle infrastrutture, rendere fruibili e pratici i collegamenti e ridurre costi superflui per le code ed il tempo lavoro trascorso a volte con code interminabili su tratti della nostra A 14, fornendo anche strade alternative”.

“Non esiste garanzia di un solido sviluppo economico e produttivo – è il parere di Arianna Trillini, vice presidente vicario della Cna di Ascoli Piceno – senza un rapporto di mutuo sostegno tra politiche economiche, sociali ed ambientali, piena occupazione e lavoro dignitoso. La crescita economica inclusiva e sostenibile, la tecnologia e la trasformazione strutturale sono fondamentali per la competitività delle filiere produttive, in particolare per la manifattura nel complesso comparto del tessile e della moda, ed esse devono essere guidate da una specifica direzione strategica”. 

“Come Cna Picena – conclude Irene Cicchiello, responsabile territoriale del settore Federmoda – abbiamo da anni posto la questione ambientale e della sostenibilità come linea guida principale della nostra azione. Fra le testimonianze più significative in tal senso, la collaborazione stretta con Legambiente, con un programma di corsi specifici rivolti ai nostri imprenditori, sia a livello nazionale che territoriale, proprio per porre sempre più attenzione su questi temi a cui la filiera della moda e della qualità deve sempre più fare riferimento per rimarcare la sua eccellenza mondiale a tutto campo. Il corso al quale partecipiamo con il contributo delle nostre portavoce Federmoda Arianna Trillini e Doriana Marini è un corso di autoimprenditorialità e green jobs, al via il 17 febbraio prossimo, organizzato insieme a Legambiente nell’ambito del progetto Ecco (economie circolari di comunità) con  lo scopo di promuovere l’economia circolare nei territori  per un lavoro sostenibile ed inclusivo la modalità di partecipazione è on line, è gratuito e alla fine ai partecipanti verrà rilasciato un attestato”.

 


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.