SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Erano i tempi in cui la polemica, tra San Benedetto e Ancona (o Fabriano) era forte e quasi quotidiana. Adesso, tra il sindaco Giovanni Gaspari e il presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca, siamo alle coccole. E non è la prima volta. Forse sarà invece il ruolo totalmente diverso preso da Paolo Perazzoli, consigliere comunale ma ora, con la moglie Loredana Emili, bastian contrario l’uno di Spacca, l’altra di Gaspari.
In merito al sondaggio de “Il Sole 24 Ore” che ha visto Gian Mario Spacca migliorare la propria graduatoria di gradimento, il sindaco di San Benedetto scrive: “Non mi stupisce affatto apprendere dalla stampa che, nel sondaggio “Governance Poll 2012” commissionato da “Il Sole 24 ore” per valutare il gradimento dei Governatori delle Regioni, Lei si è classificato al quarto posto migliorando rispetto alla graduatoria dello scorso anno e a quella dell’anno in cui è stato eletto. Dirò di più: conoscendo bene la qualità della Sua azione amministrativa, in particolare delle tante iniziative che sta conducendo per individuare nuove prospettive di sviluppo che permettano alla Regione di superare la crisi di sistema che stiamo vivendo, mi è parsa una notizia piuttosto scontata”.

“La lusinghiera valutazione dei cittadini marchigiani nei Suoi confronti non può, infatti, non rappresentare il riflesso delle tantissime operazioni che la Sua amministrazione sta mettendo in atto sullo scacchiere internazionale tra cui, cito quelle che più mi hanno favorevolmente impressionato per i loro riflessi nel settore del turismo, l’impegno per lo sviluppo della Macroregione Adriatico – Ionica, la Task force Italo – Russa, i contatti instaurati con personalità di spicco in aree strategiche del mondo, a cominciare dalla Cina e dall’Arabia Saudita. AugurandoLe un buon proseguimento di lavoro, Le rinnovo la mia piena disponibilità a collaborare per quanto potrà essere utile al consolidamento degli obiettivi sopra enunciati”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 299 volte, 1 oggi)