SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Rottamazione, ma non troppo. Giuletta Capriotti prende le distanze da Franco Paoletti, che durante l’incontro dei sostenitori di Matteo Renzi a San Benedetto di martedì scorso aveva auspicato il “pensionamento” del Presidente della Regione, Gian Mario Spacca, e del segretario regionale Pd, Palmiro Ucchielli.

“Mi preme sottolineare – puntualizza la Capriotti – che la posizione di uno dei sostenitori del Comitato locale pro-Renzi non è la posizione di tutti. Da veterana della politica sono sempre stata favorevole al coinvolgimento dei giovani e credo che, grazie alla candidatura alla primarie di Renzi, saranno tanti i giovani che torneranno ad appassionarsi alla politica”.

Simpatia per il sindaco di Firenze, ma nessuna guerra intestina nel partito. Il monito dell’ex presidente del Consiglio Comunale è chiaro: “In secondo luogo vorrei ricordare il senso vero delle primarie quale occasione di dialogo e confronto aperto all’interno di un grande partito come il Pd formato da più sensibilità e anime. Questo appuntamento non può però  diventare terreno di scontro tra singoli esponenti del nostro movimento”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 684 volte, 1 oggi)