SEGUI LA NOSTRA DIRETTA PRESTO NUOVI AGGIORNAMENTI

QUI TUTTE LE INFO DI IERI, SABATO 14 MARZO

***

ORE 20 PARLA MASSIMO NARCISI, SINDACO DI MONSAMPOLO DEL TRONTO

ORE 20, PRIMO DECESSO NEL PICENO. Non era stato contabilizzato nella comunicazione del Gores delle ore 18.

ORE 19 11 morti nelle Marche nella giornata odierna, domenica 15 marzo, alle ore 18. Qui il Pdf con l’elenco dei decessi per città e in quali ospedali sono avvenuti i decessi: GORESarancione15032020_ore18

Totale deceduti 57, di cui 43 uomini e 14 donne; 49 a Pesaro-Urbino, 6 Ancona, 1 Macerata, 1 Fermo, zero Ascoli. Età media 79,8.

ORE 18 DIRETTA PROTEZIONE CIVILE, CONFERENZA STAMPA

Angelo Borrelli (capo Protezione Civile): 369 nuovi guariti oggi, per un totale di 2.335 fino ad ora.

2853 nuovi casi di pazienti positivi, 20.603 in tutto. Di questi 9268 sono in isolamento domiciliare, 1.672 sono in terapia intensiva, circa il 10% dei pazienti complessivi. Abbiamo registrato 368 nuovi deceduti.

Il totale dei pazienti trasferiti dalla Lombardia in altre regioni è di 46. Abbiamo 3345 volontari a cui si sommano le forze di polizia, forze armate, i colleghi del dipartimento. Il totale delle tende in pretriage sono 548 e di 19 unità in aumento nelle carceri. Dall’inizio dell’emergenza abbiamo distribuito 11 milioni di Dpi tra mascherine Ffp2,Ffp3, guanti, protezioni. Domani distribuiremo 200 mila mascherine Ffp2 e un milione di mascherine chirurgiche.

Ospedale alla Fiera di Milano? Le difficoltà sono note in special modo per le apparecchiature e il personale sanitario, ma stiamo risolvendo queste cose. Stasera ci sarà un decreto del Consiglio dei Ministri nel quale si predisporranno misure per nuovi operatori sanitari. Stiamo lavorando anche per avere i ventilatori necessari per la terapia intensiva, si sta facendo proprio ora un incontro per valutare la situazione alla Fiera di Milano.

Sono molto felice che Bertolaso possa aiutare alla Regione Lombardia. Non lo nascondo, io sono stato tirato su e cresciuto con lui, il mio rapporto con lui è ottimo, sarò felice di lavorare insieme a lui.

Per quanto riguarda i posti in terapia intensiva cerchiamo di allegerire i posti di terapia intensiva in Lombardia, abbiamo ancora qualche decina di unità di posti di terapia intensiva in Italia e ci stiamo adoperando per questo. Non ho notizie di pazienti che non hanno trovato posto nelle terapie intensive.

Qualora ce ne fosse bisogno provvederemo anche a requisire strutture turistiche, stiamo lavorando a questo.

Brusaferro (Iss): i nostri dati risentono di un piccolo ritardo perché provengono dalle regioni e danno informazioni specifiche.

Per quanto riguarda il tema delle curve noi la stiamo misurando, stiamo vedendo delle crescite diversificate per regione e a livello nazionale oggi abbiamo il numero più elevate e nel bollettino di martedì prossimo avremo qualche dato in più. Troveremo anche i dati aggiornati per terapia intensiva e fasce d’età.

Oggi abbiamo dei dati stratificati per decesso che mantengono i dati osservati in questi giorni. Oggi abbiamo un paese con regioni e province con intensità diversa rispetto al contagio.

Ci sono decessi anche in Sardegna e Calabria, in alcune aree del paese stiamo affrontando una sfida eroica ma la questione tocca tutto il paese, e tutti i cittadini devono sentirsi coinvolti in questa sfida. Faccio ancora un appello a tutti a seguire tutte le misure raccomandate, anche laddove sembra che ci siano pochi casi. Altrimenti rischiamo di creare scenari particolarmente critici. 

Ricordo anche un collega di Varese al quale ero legato, che ha speso la sua vita per Roberto Stella. E ricordo anche un operatore del 118 che in questi giorni, garantendo un servizio in una zona dove la circolazione del virus è particolarmente elevata, ha perso la vita. E’ grazie a persone come loro che il paese riesce a dare una risposta anche nelle aree dove la situazione è più critica.

I nostri comportamenti possono cambiare la modalità con cui la curva epidemica si verifica.

Noi abbiamo dati che il coronavirus può resistere alcune ore o alcuni giorni sulle superfici a meno che non vengano sottoposte a sole, vento, o pulite. Oggi girava una voce della sopravvivenza sull’asfalto. Sappiamo che il virus è sensibile ai disinfettanti a base di cloro e di alcol, ma sappiamo che il virus si trasmette attraverso droplet e attraverso mano, per cui è importante lavarsi di frequente e bene le mani.

E’ molto importante una igiene degli ambienti dove appoggiamo le nostre mani.

Anche gli oggetti che portiamo in via ipotetica possono essere oggetto di trasmissione ma mi sembra una ipotesi non problematica perché ci sono confezionamenti già molto rigide. Occorre dimensionare correttamente il tipo di rischio: guidare da soli in macchina con guanti e mascherina, credo che non sia giustificato.

Se uno invece deve viaggiare in un’auto affollata con persone che hanno patologie, è diverso.

Se si fa corsa, jogging o running: anche le più buone mascherine fanno da barriera al respiro, ma il tema è il distanziamento sociale: se una persona che corre da sola in mezzo ai campi sembra difficile che possa trasmettere il virus con le gocciolino, diversa è la situazione di una maratona, ma i decreti in vigore hanno escluso questa possibilità.

In Puglia ci può essere un tema legato ad alcune migrazioni avvenute nei giorni scorsi che hanno portato ad una loro diffusione rapida in altri contesti. Credo che siamo alla prima settimana dall’adozione di alcuni provvedimenti e capiremo meglio come questi provvedimenti stiano impattando sulle curve. Non c’è nel nostro paese né in Europa un modo per ritenersi lontani dal contagio.

Sui tamponi siamo legati a protocolli internazionali e il fatto che ci siano paesi che stanno seguendo le nostre iniziative ci dà l’importanza di quanto sia decisivo coordinarsi.

ORE 18 30 DENUNCE A GIULIANOVA per mancato rispetto del divieto di assembramento

ORE 18:30 INCREDIBILE A ROSETO

ORE 15 IN 98 IN TERAPIA INTENSIVA I ricoverati per Covid-19 sono in terapia intensiva nella Regione Marche sono 98. Nella conferenza dello scorso 2 marzo la direttrice del settore Servizi Sanitari della Regione, Lucia Di Furia, aveva specificato che i posti disponibili in terapia intensiva in Regione erano 108 (clicca qui). Ci si avvicinerebbe quindi al limite della disponibilità regionale tuttavia la Regione sta potenziando proprio i posti letto di terapia intensiva, come da comunicato di sabato 14 marzo che potete leggere qui.

ORE 15 I 14 DEL PICENO Non è stata ancora ufficializzata la loro provenienza, ad ogni modo i primi 7 del giorno precedente erano di Ascoli, ieri si sono aggiunti due casi di Monsamolo del Tronto e poi di San Benedetto. Probabilmente altri casi positivi sono di Ascoli.

ORE 15 ECCO L’EVOLUZIONE NELLE PROVINCE MARCHIGIANE A partire dall’11 marzo. In base agli ultimi dati nelle province meridionali l’incremento oscilla tra il 60 e il 100% (Ascoli), ad Ancona +24% mentre a Pesaro l’aumento dei contagiati il 14 marzo rispetto al 13 è stato del 20,67%.

 

ORE 13 RIPATRANSONE PROMUOVE UN CONTEST ARTISTICO PER EVITARE L’ISOLAMENTO TRA I GIOVANI

ORE 13 MONTEPRANDONE CHIUDE PISTA CICLABILE E CIMITERO, PISTE CICLABILI CHIUSE ANCHE A MONSAMPOLO SPINETOLI E ASCOLI

ORE 12.20 Il Gores ha aggiornato i dati inerenti alle 12 del 14 marzo. 712 casi nel Pesarese, 267 nell’Anconetano, 94 nel Maceratese, 36 nel Fermano e 14 nel Piceno. In provincia di Ascoli 206 persone in isolamento domiciliare (19 operatori sanitari), di cui 192 asintomatici e 14 sintomatici.

Totale positivi: 1133, su 2946 test effettuati, 1813 negativi.

Tra i positivi al Covid-19 sono ricoverati in 619 di cui 98 in terapia intensiva, 521 non in terapia intensiva.

Dove sono i ricoverati in terapia intensiva: 25 a Pesaro Marche Nord, 22 Ancona Torrette, 18 Camerino (intensiva e sub-intensiva), 7 San Benedetto, 6 Jesi, 6 Fermo, 5 Civitanova, 3 Senigallia, 3 Urbino, 3 Inrca Ancona.

Tra i positivi 468 sono in isolamento domiciliare.

Per provincia, numero casi positivi: 712 a Pesaro, 267 ad Ancona, 94 Macerata, 36 Fermo, 14 Ascoli, 10 extra regione.

Casi e contatti in isolamento domiciliare (si tratta di casi per i quali non si hanno informazioni circa la positività ma sono in isolamento precauzionale, magari perché tornati dal Nord Italia o per contatti avuti con pazienti positivi o potenzialmente tali): totale 3458 di cui 3020 asintomatici e 438 sintomatici – 392 operatori sanitari.

Pesaro: 1479, di cui 1224 asintomatici e 255 sintomatici – 147 operatori sanitari.

Ancona: 934, di cui 874 asintomatici e 60 sintomatici – 155 operatori sanitari.

Macerata: 517, di cui 441 asintomatici e e 76 sintomatici – 40 operatori sanitari.

Fermo: 322, di cui 289 asintomatici e 33 sintomatici – 31 operatori sanitari.

Ascoli: 206 di cui 192 asintomatici e 14 sintomatici – 19 operatori sanitari.

 

ORE 9:30 Il totale dei positivi al coronavirus comunicato dal Gores alle ore 9:30 di sabato 15 marzo è di 1133, rispetto agli 899 del giorno precedente: +235. Si tratta dell’aumento giornaliero maggiore in 24 ore.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.