SAN BENEDETTO DEL TRONTO – C’è soddisfazione tra i rossoblu dopo la vittoria in campionato, nell’ultimo turno, contro la Ternana per due a zero al “Riviera delle Palme” nella serata del 23 febbraio.

Tre punti che danno sicuramente morale ai giocatori di mister Giorgio Roselli in vista della trasferta di Pordenone in programma il 3 marzo. Pordenone primo in classifica nel girone B della Lega Pro, è bene ricordarlo.

In conferenza stampa, allo stadio, si presenta il centrocampista Andrea Russotto nel pomeriggio del 26 febbraio: “Si parlava di un periodo difficile ma non sono d’accordo. Venivamo da dodici risultati utili consecutivi e due sconfitte contro Monza e Ravenna diciamo particolari. Però sicuramente la vittoria contro la Ternana ci ha fatto lavorare bene questa settimana e possiamo affrontare le prossime sfide con uno spirito migliore. E’ stata la vittoria del gruppo, ci tengo ad affermarlo”.

Giocare sette partite fuori e quattro in casa sarà dura? “Certamente ma dobbiamo comunque fare il meglio possibile e metterci tutto in qualsiasi gara”.

Ora testa al Pordenone, una gara non facile: “Incontriamo la capolista, una squadra forte e i numeri parlano chiaro. Loro vorranno fare la partita dato che giocano in casa davanti al pubblico. Potrebbero avvicinarsi alla Serie B con una vittoria ma tutto ciò potrebbe essere per noi sia un vantaggio sia uno svantaggio. Noi dobbiamo colpirli nei loro difetti. E’ comunque una partita stimolante e andremo lì per giocarcela”.

Sul campionato in corso, ecco il pensiero di Russotto: “Non eravamo partiti bene ma poi ci siamo ripresi. Certo, abbiamo pareggiato tanto ma comunque meglio un pari che una sconfitta. In casa diamo di più, forse questo è vero, ma credo sia normale dato lo stadio e il grande tifo che abbiamo. Fuori casa potremmo fare di più ma sicuramente siamo migliorati rispetto ad inizio torneo”.

Quest’anno non hai ancora segnato, ti pesa? “Ho avuto un problema fisico, è la verità però non voglio che sia un alibi. Non segnare per me è un ‘incubo’. Ho avuto delle occasioni ma non ci sono riuscito, purtroppo. Spero di levarmi questo ‘peso’ e ritrovare la via della rete ma principalmente voglio che la Samb faccia punti anche senza i miei gol ma io voglio, ovviamente contribuire alla causa, con qualche rete. Spero di sbloccarmi”.

Una possibile coppia d’attacco Russotto-Di Massimo come la vedi? Pensi che potevi fare di più, al momento, con la maglia rossoblu? “C’è un mister che fa le scelte, io accetto quello che decide l’allenatore. Queste undici partite che sono rimaste le voglio sfruttare, oltre per aiutare la Samb, per far vedere il mio valore e ripagare tutte le aspettative che so di non aver ancora soddisfatto appieno. Ho avuto problemi fisici e questo non ha aiutato ma so che avrei potuto ugualmente dare di più ma sono motivato a farlo in questo rush finale”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.