Dal numero 1076 di Riviera Oggi, in edicola.

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Due lustri di annunci, promesse e tweet. Il sindaco Giovanni Gaspari abdica, lasciandosi dietro fiumi di inchiostro e una valanga di affermazioni da ricordare. Un articolo privo di commento giornalistico. Spazio semplicemente alle dichiarazioni del primo cittadino, rilasciate nel corso dell’ultimo decennio.

 

“Abbiamo bisogno di voi, pure del mio peggior nemico non posso fare a meno” (10 aprile 2015).

***

“Nei nostri progetti c’è un nuovo impianto natatorio: la nostra piscina comunale non potrà reggere ancora per molto l’afflusso di un così grande numero di utenti. L’obiettivo è quello di realizzare una struttura che ne possa accogliere ancora di più e che possa soprattutto ospitare gare di livello internazionale. L’organizzazione di grandi eventi in collaborazione con associazioni ed enti sportivi ci consentirà infatti di allargare le nostre già floride potenzialità turistiche” (programma elettorale 2011).

***

“Il Piano Regolatore Generale era e resta una priorità. L’iter del nuovo Prg dovrà essere affiancato da un percorso di reale coinvolgimento dei cittadini, nelle forme di un Prg Partecipato sul modello adottato per il Bilancio Partecipato” (programma elettorale 2011).

***

Il sindaco Giovanni Gaspari prepara l’equipe che dovrà terminare l’iter progettuale del nuovo Piano Regolatore Generale. Una squadra che continuerà ad avvalersi del vecchio “allenatore” Piergiorgio Bellagamba, coordinato – o meglio supervisionato – da un prestigioso “direttore generale”, cioè Luigina Zazio. Per le partite più importanti, il team si potrà avvalere anche di “fuoriclasse stranieri”, reclutati in quel di Reggio Emilia. Ma Gaspari curerà anche il vivaio e inserirà in squadra fin da subito i giovani talenti che possano dare un contributo in termini di freschezza e fantasia. Fuor di metafora, Gaspari ha annunciato che il Prg è una priorità del suo mandato, probabilmente la prima in ordine di importanza (Riviera Oggi, 26 luglio 2006).

***

Gaspari: “Piano Regolatore entro quattro anni” (20 settembre 2006).

***

“Piano Regolatore. Ce la farete ad approvarlo entro il 2011?”
“Assolutamente sì” (Riviera Oggi, 1 dicembre 2008).

***

“L’approvazione del Piano Regolatore sarà una svolta per la città, manca l’ultimo passo, ma si tratta di un atto formale” (27 dicembre 2012).

***

“Qualunque tecnico e amministratore di buon senso sa che un piano regolatore oggi è uno strumento fortemente iniquo e sbilanciato” (18 dicembre 2013).

***

“Non faremo più andare i risciò in giro perché sono pericolosi. E questa decisione non la prendo non perché non ho la mentalità turistica, ma perché ritengo che per la nostra accoglienza non sia possibile permettere a tutti di fare qualsiasi cosa. I risciò saranno liberi di circolare da ottobre ad aprile” (23 gennaio 2007).

***

“Entro la fine dell’anno porteremo in assise delle soluzioni sul Ballarin. La riqualificazione ci sarà e sarà importante; rientra nel Piano del Porto. Il discorso è sempre il solito: per l’abbattimento delle tribune est e ovest non ci sono problemi. Al contrario ci sono per le curve, dato che andrebbero trovate delle sistemazioni per la Croce Verde e il deposito dei carri di carnevale” (29 dicembre 2011).

***

“Dall’ultima settimana di luglio un catamarano collegherà San Benedetto all’isola croata di Hvar. A giorni verrà indetto il bando che servirà per scegliere l’azienda che metterà a disposizione l’imbarcazione e organizzerà il servizio di trasporto. Si faranno cinque corse, ognuna di andata e ritorno. Una alla settimana, dunque, dalla fine di luglio alla fine di agosto” (24 aprile 2007).

***

“Roberto Saviano, vorremmo darti la cittadinanza onoraria a San Benedetto del Tronto, come segno di legalità” (Tweet del 28 maggio 2012).

***

“La raccolta differenziata rimane un successo incontrovertibile. I punti di raccolta complessivi sono 825, i casi di criticità appena 25. 25 su 825 equivalgono ad un 3%” (23 settembre 2013).

***
“In politica le conte le ho sempre vinte tutte” (13 aprile 2013).

***

“ll 2013 sarà l’anno del lungomare nord. La riqualificazione si potrà iniziare ed attuare mediante la vendita dell’ex mattatoio e della scuola di via Petrarca. Dopo tre sedute andate deserte, quell’immobile verrà ceduto. Sono emerse delle condizioni nuove per pensare ad un investimento diretto” (27 dicembre 2012).

***

“Non ha più senso continuare a tenere in piedi la scuola media Sacconi. Il plesso ospita un numero di studenti limitato, i ragazzi potrebbero essere spostati nella struttura di Via Gino Moretti. Si libererebbero spazi enormi da destinare ad altre attività. E’ un ragionamento che faremo, siamo ad una fase embrionale. La crisi può diventare l’occasione per ripensare a situazioni ritenute fino a quel momento ovvie” (12 maggio 2014).

***

“Sacconi? Io non ho proposto niente. Se avessi avuto in mente un intervento di razionalizzazione, lo avrei scritto nel bilancio pluriennale” (17 maggio 2014).

***

“Il Riviera delle Palme sarà messo a norma entro la fine dell’anno. Vorrei che il 2016 iniziasse potendo dire al presidente Fedeli, a mister Palladini, alla squadra e ai tifosi che l’impegno assunto è stato rispettato” (1 dicembre 2015).

***

“Dissi che in caso di condanna in Appello mi sarei dimesso, ho buona memoria. Ma ora penso al ricorso” (21 novembre 2014).

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.674 volte, 1 oggi)