Questi sono i numeri ufficiali macro-economici del Documento di Economia e Finanza 2015 approvato dal governo Renzi.

Sono numeri di una tragedia, che è quella che meritiamo. Si noti come se vi fossero errori come negli ultimi 8 anni nelle previsioni del Pil, i dati di cui sotto sarebbero tutti peggiorativi; non è previsto neppure dal governo una vera attenuazione del dramma della disoccupazione a due cifre.

In sintesi: le tasse quest’anno potrebbero restare allo stesso livello del 2014 (non meno) e aumentare di molto negli anni a venire; la spesa pubblica ridursi del 3% in 4 anni, quindi costringere famiglie e imprese ad un ulteriore e pari esborso per avere gli stessi servizi, o rinunciarvi; la disoccupazione restare un gravissimo e irrisolto problema nonostante la propaganda irrealistica.

PRESSIONE FISCALE: 43,5% nel 2014, 43,5% nel 2015, 44,1% nel 2016, 44% nel 2017.

TOTALE ENTRATE: 48,1% del Pil nel 2014, previsto 48% del Pil nel 2015, 48,5% nel 2016, 48,4% nel 2017.

TOTALE SPESE AL NETTO INTERESSI PASSIVI: 47,4% nel 2014, quindi 46,3%, 45,7%, 44,4%.

AVANZO PRIMARIO (SPESA MENO TASSE OVVERO SOLDI CHE I CITTADINI PAGANO A FAVORE DELLO STATO): 1,6% nel 2014, 1,7% nel 2015, 2,8% nel 2016, 3,8% nel 2017.

TASSO DI DISOCCUPAZIONE: 12,7% nel 2014, 12,3% nel 2015, 11,7% nel 2016, 11,2% nel 2017.

PIL: -0,4% nel 2014 (previsto +0,8%), +0,7% nel 2015, +1,4% nel 2016, +1,5% nel 2017.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 512 volte, 1 oggi)