ACQUAVIVA PICENA – La Banca Picena Truentina ha stanziato un plafond complessivo di un milione e mezzo di euro per le famiglie e le aziende colpite dall’alluvione dei primi di marzo. La decisione è stata adottata in questi giorni dal consiglio di amministrazione.

Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato l’attivazione di uno specifico intervento riservando la disponibilità delle somme stanziate per tutte le famiglie e le imprese nostre clienti – ha spiegato il presidente della Banca Picena Truentina Gino Gasparretti – eventualmente interessate.

Afferma il presidente della banca, l’imprenditore immobiliare Gino Gasparretti: “Si tratta di un provvedimento che si concretizza con la possibilità di attivare finanziamenti a condizioni molto favorevoli”. Gli strumenti che sono stati messi a disposizione sono Prestito chirografario fino ad un importo massimo di ventimila euro, con durata massima 60 mesi, al tasso d’interesse variabile pari all’euribor 6 mesi + 1, a favore delle famiglie alluvionate; mentre le imprese che hanno subito danni hanno la possibilità di accendere un Prestito chirografario fino ad un importo massimo di euro 80mila con durata massima 60 mesi, al tasso di interesse variabile pari all’euribor 6 mesi + 1.
Le domande che perverranno dovranno seguire la normale istruttoria con l’aggiunta della documentazione (rilasciata dal Comune o da altro Ente) attestante, oltre all’importo stimato del danno subito, che la famiglia o l’impresa rientri tra quelle alluvionate.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 111 volte, 1 oggi)