CINGOLANA-GROTTAMMARE 1-1 (1° T. 0-1)
CINGOLANA: Gambadori, Gianfelici (64’ Clementi), Cacciamani, Schiavoni, Tombesi, Stefano Fraternali, Alessandro Gigli (46’ Simoncelli), Tomassoni (78’ Saverio Federici), Carca, Michele Marchegiani , Giuliani.
A disposizione: Emiliani, Mazzi, Crescimbeni. Allenatore: Andrea Mazzaferro
GROTTAMMARE: Vaccarini, Falà (92), Monaco, Adamoli, Attorresi, Chiavaroli (14’ De Angelis), Nardini, Traini, Ludovisi, Orlandi, Sulejmani (92)- (51’ Allevi 92).
A disposizione: Pompei (93), Cataldi (92), Faraone, Colletta (92), Fanizzi (94). Allenatore: Giuseppe Malloni.
ARBITRO: Costantini di Ascoli Piceno.
RETI: 33’ Ludovisi (G), 85’ Fraternali (C).
Espulsi: al 57’ Adamoli (G) per fallo su Simoncelli (C).
Ammoniti: Tomassoni e Tombesi (C), Chiavaroli, Orlandi e Attorresi (G).
Recuperi: 1’+4’.
Spettatori: 200 circa .
Curiosità: La scorsa stagione la gara dello Spivach di Cingoli terminò con un pari a reti bianche.

CINGOLI (MACERATA)– Dopo il successo interno di mercoledì scorso con la Biagio Nazzaro, il Grottammare raccoglie un pareggio (il sesto stagionale, il terzo esterno) a Cingoli (dove finora ha vinto solo l’Elpidiense). La vittoria è mancata per un soffio ai Malloni boys, che ci hanno creduto fino alla fine ai tre punti, che li avrebbero condotti fuori dalla zona calda della classifica per respirare finalmente aria fresca di salvezza.
L’illusione è stata data dalla rete al 33’ di capitan Ludovisi (giunto al decimo centro stagionale e dunque a -1 dall’attuale capocannoniere Tonici del Tolentino): un difensore cingolano effettuava un passaggio all’indietro, il bomber rivierasco era bravo ad inserirsi e a rubargli la sfera, partendo in contropiede e arrivando fino all’area di rigore, dove riusciva poi a scartare il portiere locale Gambadori e a depositare in rete a porta vuota.
Il Grottammare forte del vantaggio si difendeva con ordine dietro e creava diverse occasioni davanti, al contrario dei padroni di casa che sfruttavano solo i tiri da fermo.
Al 57′ i rivieraschi incassavano la nona espulsione stagionale rimanendo in 10 uomini: Adamoli veniva infatti allontanato dal direttore di gara per aver alzato il gomito in una mischia all’interno dell’area durante la battuta di calcio d’angolo da parte dei padroni di casa.
La squadra biancoceleste non si perdeva d’animo e restava in piedi, lottando contro una Cingolana che non creava grossi pericoli.

Ma il sogno della seconda vittoria esterna (dopo l’exploit di Tolentino), veniva però infranto a cinque minuti dalla fine da Stefano Fraternali (al terzo centro stagionale), che assistito dalla dea bendata e servito dall’argentino Carca riusciva a siglare un gol rocambolesco: con un tiro dal limite apparentemente innocuo, il difensore biancorosso spediva verso la porta la sfera la quale assumeva uno strana e beffarda traiettoria rimbalzando dapprima sul petto di un sorpreso Vaccarini e poi in rete.
Un punto che comunque è utile ai fini della classifica, dove resta tutto invariato in coda, con il Grottammare ancora in zona play out, quint’ultimo a pari punti col Real Metauro (che ha impattato a reti bianchecol Real Montecchio) e a -1 dalla salvezza diretta.
Mentre la Cingolana (al suo settimo pareggio stagionale, il quinto interno) al suo settimo risultato utile consecutivo tra le mura amiche, resta all’undicesimo posto ma da sola visto che è stata staccata dalla Fulgor Maceratese (vittoriosa ad Urbino e giunta al sesto risultato utile consecutivo) che domenica ospiterà proprio la formazione di Mazzaferro in un interessante derby (maceratese). La squadra biancoceleste tornerà invece in campo già da mercoledì prossimo, al Pirani per giocarsi nel Girone triangolare B (dove riposerà la già eliminata Fermana detentrice del trofeo regionale 2009) contro il Tolentino, l’accesso alla finale regionale di Coppa Italia. Nell’altro Girone triangolare, quello A (dove riposerà il già eliminato Real Metauro) si sfideranno a Del Conero con inizio alle ore 20:30 Ancona e Biagio Nazzaro. Ai rivieraschi e ai rossoblu di Chiaravalle in virtù della loro miglior differenza reti basterà un pari per approdare alla finale del 22 dicembre.
La società biancoceleste comunica che al termine della partita (Grottammare-Tolentino) verrà inaugurato il ‘Bar dello Sport’ (struttura sita in via San Martino, all’interno dello stadio “Filippo Pirani”) con un rinfresco per tutti i partecipanti. La società, infatti, ha finalmente realizzato un luogo di raccoglimento per genitori e sportivi all’interno della struttura, per dare un punto di ritrovo agli agonisti e ai loro familiari. La struttura, gestita dal Grottammare calcio, non verrà data in gestione a terzi. L’economia realizzata servirà a coprire i costi di gestione. I guadagni serviranno al mantenimento del settore giovanile e a migliorare i servizi all’interno della struttura sportiva. «Offrire questo servizio è doveroso per l’associazione calcistica – precisa il patron Luigi Furnari -. La promessa- conclude lo stesso presidente- fatta dalla società ai genitori e ai ragazzi per non farli rimanere dentro le auto o al freddo come è stato fino ad oggi, è stata mantenuta».

Per quanto riguarda il campionato , ricordiamo che il Grottammare domenica prossima ospiterà nell’ultima gara dell’anno 2010 la Vis Pesaro (reduce dal pari interno con l’Atletico Piceno).
La squadra rivierasca piange la scomparsa dell’attaccante classe 82 Daniele Tealdi (che ha indossato la casacca biancoceleste nella storica stagione 2007/08 poi culminata con la disputa dei play off) che era in forza a La Sabina (Promozione Lazio) deceduto in seguito ad un incidente motociclistico verificatosi sabato notte.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 357 volte, 1 oggi)