dal settimanale Riviera Oggi numero 818

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La giustizia è la giustizia, e le sentenze si rispettano pur commentandole nel legittimo esercizio della libertà di opinione prevista dalla Costituzione. Più che commentare questa decisione del Consiglio di Stato, però, preferiamo dire a cosa sarebbero potuti servire quei 650mila euro che dovrà sborsare il Comune. In tempi di vacche magre per gli enti locali e per i cittadini, si tratta di una cifra immensa. Elenchiamo cosa avrebbero potuto finanziare non tanto per avvelenarci l’umore, quanto per renderci conto dell’estrema rilevanza della questione
– Servizi sociali: il Comune aiuta le persone più povere a pagare gli affitti o le bollette. Ponendo come esempio un contributo una tantum di 500 euro a famiglia, in un anno si sarebbero potute aiutare 100 famiglie. Sarebbero rimaste 600mila euro, ampiamente sufficienti per coprire le spese sociali di un anno (contributi per le assistenze domiciliari agli anziani malati; assegni di mantenimento per i minori “non accompagnati” che prevedono 90 euro al giorno di spesa per ciascun minore; bonus sui buoni mensa scolastici ai figli di famiglie povere o senza lavoro; contributi per l’acquisto di libri scolastici).
– Emergenza palme: curare una palma colpita dal temibile parassita ”punteruolo rosso” (o abbatterla per evitare ulteriori contagi) costa almeno mille euro. Con 650mila euro il Comune avrebbe curato 650 palme.
– Strade senza più buche: guardando le somme spese per il cosiddetto “bilancio partecipato”, notiamo che 650mila euro sarebbero stati più che sufficienti per una manutenzione globale delle strade cittadine: strade senza più buche, meno danni a ciclisti e motociclisti, meno danni agli ammortizzatori delle auto, più sicurezza
– Erosione marina: 650mila euro sarebbero stati un importante contributo comunale al ripascimento della spiaggia mangiata dal mare più o meno la stessa somma spesa nel 2008.
– Rotatorie: una rotatoria costa all’incirca centomila euro. Ora ne avremmo almeno sei in più, rendendo più sicuri diversi incroci stradali

Continuiamo? No, forse è meglio di no. Il nostro fegato grida pietà.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 745 volte, 1 oggi)