Il mondo del cinema in lutto saluta e ricorda il regista francese Eric Rohmer, tra i padri della nouvelle vague e caporedattore della famosa rivista “Les Cahiers du Cinema”, scomparso ieri all’età di 89 anni. Oltre la grande riservatezza del regista, che ha caratterizzato tutta la sua vita, egli lascia in eredità un inestimabile patrimonio filmico, in quantità ma soprattutto in qualità. Dalla sua prima opera, “Il segno del leone” (1959) all’ultimo “Gli amori di Astrea e Celadon (2007), Rohmer non ha mai rinunciato a perseguire la sua idea di un cinema fondato sulle interazioni umane, sulla parola e sui dialoghi. Come ricorda l’amico e collega Bertrand Tavernier sul quotidiano La Repubblica: “Magistrale la leggerezza con cui trasformava le schermaglie intellettuali in chiacchiericcio, sulle labbra di giovani, leggiadre interpreti”.

Il lutto per il dolore della scomparsa è inevitabile, ma il riconoscimento per le pellicole che Rohmer ha regalato al suo pubblico è un atto d’amore, ancor prima di essere un dovere.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 686 volte, 1 oggi)