Centobuchi-Elpidiense 0-0

CENTOBUCHI: Freddi, Alessandrini, Coccia, Croceri, Corradetti, Marranconi, Frinconi (75′ Cesani), Simoni, Argira (75′ Filiaggi), Smerilli (87′ Cardinali), Francia. A disposizione: Albanesi, Trasatti, Tullii, Calvaresi. All. Izzotti
ELPIDIENSE: Armellini, Ceteroni, Marilungo, Biondi, Capparuccia, Bugari, Sperandeo (64′ Catini), Valente, De Marco, Ranciari(78′ Cipolloni), Caporaletti. A disposizione: Simonella, Marini, Martellini, Ramini. All. Clerici
Arbitro: Nucci di Lecce
Ammoniti: Corradetti (C), Croceri (C), Marilungo (E), Valente (E).
Recuperi: 1’+1′
Angoli: 3-4.
Spettatori: 400 circa di cui alcune decine provenienti dalla vicina Sant’Elpidio a Mare

MONTEPRANDONE- Finisce in parità a reti bianche il derby tra i piceni del Centobuchi e i fermani dell’Elpidiense Cascinare. Per i biancocelesti di Izzotti oggi in tenuta rossa e bianca si è trattato comunque del terzo risultato utile consecutivo. Si è fatta sentire davanti l’assenza di Del Grande ma buone notizie dietro dove ha esordito dal primo minuto il recuperato Alessandrini.

Gara dai due volti. Infatti, dopo un primo tempo in cui entrambe le due formazioni hanno badato a studiarsi, controllarsi e ad annullarsi a vicenda, la partita è per lunghi tratti abulica e giocata soprattutto in mezzo al campo dove in casa monteprandonese capitan Simoni ha fatto valere il suo dinamismo battagliero. Quindi sono state poche le occasioni degne di nota con un’Elpidiense timida e sterile davanti e un Centobuchi poco propositivo. Gli unici lampi sono stati un colpo di testa in anticipo di Corradetti al 28′ terminato alto sopra la traversa e una conclusione fuori misura di Francia servito da Corradetti al 42′.

Mentre gli ospiti si sono visti davanti solo al 43′ con un’incursione dalla sinistra di De Marco con un rimpallo addosso che sembrava diventare pericoloso. Nella ripresa invece si cambiava registro dando vita ad un match molto più vivace e ad una ricerca più determinata della segnatura. Già al 54′ De Marco servito sulla destra da Caporaletti concludeva da posizione decentrata, colpendo il palo esterno, poi riprendeva e impegnava Freddi con la difesa locale che spazzava la minaccia. Al 60′ Argira a tu per tu con Armellini calciava forte ma centrale sul portiere che respingeva. Dieci minuti dopo lo stesso Argira dalla destra concludeva debolmente sfiorando il palo sinistro. Poco dopo era la volta di Croceri, che in mischia sfiorava il palo con un tiro di interno collo dall’area piccola. Al 73′ colpo di testa in anticipo di Capparuccia che chiamava Freddi alla deviazione in angolo con un gran colpo di reni. Al 76′ colpo di testa di fuori di un soffio del nuovo entrato Catini. Al 90′ ultimo sussulto prima del triplice fischio nonchè la migliore palla gol della partita per gli uomini di Izzotti. Cross dalla destra di Cesani e sforbiciata ravvicinata del nuovo entrato Cardinali, Armellini d’istinto con il piede faceva il miracolo sulla linea di porta. Alla fine entrambe le formazioni prendevano atto di un pari che comunque muove entrambe le classifiche.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 464 volte, 1 oggi)