da Sambenedettoggi.it in edicola

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «La stazione Apat di Ancona rilevò, il 26 ottobre 2006, il livello del mare crescere e arrivare fino a 20 centimetri alle 2, e rimanere tale fino alle 9. Mentre a Ravenna, l’andamento della marea aveva il solito andamento sinuosuodale, lo stesso registrato nella stazione più a sud, ad Ortona». Parla Gabriele Sillari, capitano di lungo corso di Spoltore, che attualmente si occupa di previsioni di moto ondoso per la zona abruzzese.
«Questo significa che per circa sette ore ad Ancona l’onda di marea è rimasta bloccata, a causa del basso fondale e della pressione atmosferica più alta. In una località tra Ancona e Ortona questa onda anomala è riemersa – continua – La forza di questa onda, pur se alta 10 centimetri, è di 103 kg al metro. Se fosse di 20 centimetri la potenza raddoppierebbe».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.415 volte, 1 oggi)