Di Gianluigi Clementi

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Cresce l’attesa in Riviera (e non solo) per l’arrivo di una nuova edizione del Festival d’Arte sul Mare. Un’edizione speciale, la venticinquesima in bacheca, con diverse novità e appuntamenti fissati dal 12 al 19 giugno, per tutti i giorni.

Così Piernicola Cocchiaro, direttore artistico del Festival, contattato da Riviera Oggi: “Quando lo feci partire nel 1996 non avrei mai immaginato che saremmo arrivati a 25 anni di vita con 25 edizioni svolte. Nel 2016 è stato proposto all’amministrazione un cambiamento: perdere la singolarità dell’evento e trasformarlo in un Festival con sezioni ed eventi variegati, includendo anche la musica con ‘Serata jazz’. Questo vuole essere una sorta di ringraziamento alla città nei nostri confronti, in quanto ogni anno dimostra di amarlo sempre maggiormente. Siamo arrivati a 171 sculture e 24 murali, un traguardo formidabile”.

In omaggio a quest’edizione speciale del festival gli eventi saranno più dei soliti: la straordinaria mostra di Giuliano Giuliani, noto sculture partecipe della prima edizione del 1996 presso il Centro Commerciale Ragnola, 2 mostre (ed inaugurazioni) dedicate al mare che si terranno alla Palazzina Azzurra, la ‘Serata jazz’, l’interessante conferenza sulla storia della pesca a motore, a cui seguirà una piccola visita guidata a gruppi nell’officina museo dell’Ipsia, e per concludere la cerimonia di chiusura il 19, alla presenza delle autorità e con la presentazione delle opere da parte di ciascun artista.

Il nostro articolo precedente con tutte le info

Festival dell’Arte sul Mare a San Benedetto, il calendario. Scultura Viva festeggia 25 anni

“Da un punto di visto artistico – ha aggiunto Cocchiaro – mi colpisce il fatto che fino ad oggi abbiano partecipato ben 170 artisti provenienti da tutte le parti del mondo. Uno dei motivi che mi spinge a portare avanti questo Festival è quello di dare l’opportunità alla gente comune di poter vivere la nascita di un’opera, il suo sviluppo e la sua definizione finale. L’aggettivo ‘viva’ è riferito proprio a questo: ad una scultura che nasce e vive sul posto, dando al pubblico la possibilità di assistere alle diverse fasi della creazione di un’opera d’arte”.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.