Riceviamo e pubblichiamo una nota della neonata Associazione denominata “Città Grande del Piceno” che ha il grande obiettivo di trasformare in una città unica dieci località del territorio collinare e costiero. Per chi non lo sapesse è un’iniziativa volta alla loro fusione in un solo comune e quindi alla nascita di una città  con un nome diverso al posto di San Benedetto del Tronto, Grottammare, Monteprandone, Ripatransone, Cupra Marittima, Acquaviva Picena, Massignano, Montefiore dell’Aso, Monsampolo e Cossignano. Ecco il loro comunicato:

SAN BENEDETTO – “L’Associazione Città Grande del Piceno, fedele ai suoi principi costitutivi che sottolineano l’importanza di ridisegnare la geografia politica ed economica del territorio costiero-collinare attraverso la condivisione e la concertazione della governance dei comuni coinvolti dal progetto, ha avviato un percorso di confronto sui temi concreti, iniziando con il Movimento 5 Stelle – San Benedetto del Tronto, attraverso incontri mirati, in vista delle prossime elezioni amministrative comunali.
Tale dialogo rappresenta la naturale prosecuzione di un percorso teso al raggiungimento di obiettivi comuni quali la tutela e la valorizzazione sociale ed economica del territorio attraverso una visione moderna, sostenibile, partecipata, per una città finalmente smart.
Entrambi i sodalizi auspicano che si moltiplichino le occasioni di confronto sui temi programmatici con altre forze civiche e politiche che abbiano a cuore il futuro della città di San Benedetto del Tronto, nel nome di una necessaria discontinuità amministrativa e politico-gestionale”

Firmato: Associazione “Città Grande del Piceno”


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.