SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Una mostra pop ed ecologica è pronta, dal 7 luglio al 30 settembre, a invadere San Benedetto ed Acquaviva. Si tratta di “Cracking Art: arte rigenerante” a cura di Stefano Papetti e dell’Associazione Verticale d’Arte che installeranno nelle due città una serie di opere in plastica rigenerata, coloratissime, che faranno da contorno all’ambiente circostante.

A San Benedetto uno stormo di rondini si “poserà” sul Giardino “Nuttate de Lune” sulla foce dell’Albula e il risultato dovrebbe essere un po’ come quello ottenuto al Castello Sforzesco di Milano circa 4 anni fa (vedi la foto). Ad Acquaviva invece, al Castello, un’istallazione più folta.

Due elefanti blu a grandezza naturale, che simboleggiano il ricordo, troveranno spazio nella maestosa Fortezza Medievale con uno dei due che poggerà il capo sulla torre mentre un branco di lupi presidierà la cinta muraria. Infine un piccolo esercito di suricati verrà installato nel cortile. Le piccole sentinelle vigileranno sul pozzo da cui fuoriuscirà un grande zampillo d’acqua, per ricordare la siccità, il surriscaldamento della crosta terrestre e i cambiamenti climatici.


I lupi che troveranno posto sulle mura della Fortezza di Acquaviva


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.