4-Energy è un’azienda qualificata in grado di offrire soluzioni integrate di indipendenza energetica per famiglie e imprese. Ciò avviene tramite l’istallazione di impianti fotovoltaici abbinata ad una vasta gamma di servizi, nel rispetto dell’ambiente e mirati al risparmio. La ditta in quest’articolo introduce la nuova Legge Sabatini. La legge di Bilancio ha prorogato la nuova Sabatini, l’iper e super ammortamento, ovvero le misure agevolative dedicate all’acquisto di beni strumentali nuovi che interessano anche il settore delle rinnovabili e del fotovoltaico in particolare.

“Il 2018 sarà un anno straordinario per le PMI che intendono investire in interventi di efficienza energetica. Il governo, infatti ha prorogato, tre importanti agevolazioni finanziarie per le piccole e medie aziende che desiderino aumentare la propria redditività tramite l’acquisto di beni strumentali: il fotovoltaico certamente rientra in questa categoria.

Esaminiamo queste agevolazioni che, in alcuni casi, sono addirittura cumulabili tra loro.

Nuova Sabatini 2018

La misura Beni strumentali (“Nuova Sabatini“) è l’agevolazione messa a disposizione dal Ministero dello Sviluppo Economico con l’obiettivo di facilitare l’accesso al credito delle imprese e accrescere la competitività del sistema produttivo italiano.

Quali sono i beni agevolabili?

La misura ha l’obiettivo di sostenere l’accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese per l’acquisto o l’acquisizione in leasing di nuovi:

  • macchinari,
  • attrezzature,
  • impianti (ad esempio il fotovoltaico),
  • beni strumentali ad uso produttivo e hardware, nonché software e tecnologie digitali.

In questo modo, lo strumento si pone come obiettivo quello di accrescere la competitività delle imprese italiane.

Chi può beneficiare della Nuova Sabatini?

Possono beneficiare dell’agevolazione le micro, piccole e medie imprese (PMI) con i seguenti requisiti:

  • regolare costituzione ed iscrizione nel Registro delle imprese;
  • non in liquidazione volontaria o sottoposte a procedure concorsuali;
  • non rientrano tra i soggetti che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato, gli aiuti considerati illegali o incompatibili dalla Commissione Europea
  • non si trovano in condizioni tali da risultare imprese in difficoltà
  • hanno sede in uno Stato Membro purché provvedano all’apertura di unasede operativa in Italia entro il termine previsto per l’ultimazione dell’investimento.

Sono ammesse tutte le imprese operanti in tutti i settori produttivi inclusi agricoltura e pesca. Può presentare domanda anche le imprese del settore Trasporti, nel rispetto dei requisiti imposti nel regolamento comunitario applicabile per settore (regolamento GBER). Nonché le imprese del Terziario che intendono rinnovare il sistema hardware/software.

E’ ammissibile l’acquisto di un impianto fotovoltaico?

I contributi della Nuova Sabatini coprono anche le spese per un impianto fotovoltaico. Come specificato nelle FAQ del sito ministeriale, infatti, fatta eccezione per le imprese che svolgono attività di produzione di energia, per le quali è ammissibile il singolo acquisto di un impianto fotovoltaico, per le imprese che svolgono attività diverse dalla produzione di energia l’acquisto di un impianto fotovoltaico deve far parte di un investimento in beni strumentali all’attività svolta configurabile in una delle tipologie previste dal regolamento comunitario di riferimento.

Ciò premesso, l’acquisto di un impianto fotovoltaico è considerata spesa ammissibile alle agevolazioni, laddove rientri nel concetto di “impianti”, come chiarito nelle varie risoluzioni dell’Agenzia delle entrate (cfr. circolare 19 dicembre 2013 n. 36/E; circolare 19 luglio 2007, n.46/E; circolare 11 aprile 2008, n.38/E), quindi macchinari, impianti diversi da quelli infissi al suolo, ed attrezzature varie, classificabili nell’attivo dello stato patrimoniale alle voci B.II.2 e B.II.3 dello schema previsto dall’art. 2424 c.c.”

In cosa consistono le agevolazioni?

Le agevolazioni consistono nella concessione da parte di banche e intermediari finanziari, aderenti all’Addendum alla convenzione tra il Ministero dello sviluppo economico, l’Associazione Bancaria Italiana e Cassa depositi e prestiti S.p.A., di finanziamenti alle micro, piccole e medie imprese per sostenere gli investimenti previsti dalla misura, nonché di un contributo da parte del Ministero dello sviluppo economico rapportato agli interessi sui predetti finanziamenti.

Il finanziamento, che può essere assistito dalla garanzia del “Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese” fino all’80% dell’ammontare del finanziamento stesso, deve essere:

    • di durata non superiore a 5 anni
    • di importo compreso tra 20.000 euro e 2 milioni di euro
    • interamente utilizzato per coprire gli investimenti ammissibili.

Il contributo del Ministero dello sviluppo economico è un contributo il cui ammontare è determinato in misura pari al valore degli interessi calcolati, in via convenzionale, su un finanziamento della durata di cinque anni e di importo uguale all’investimento, ad un tasso d’interesse annuo pari al:

  • 2,75%per gli investimenti ordinari
  • 3,575%per gli investimenti in tecnologie digitali e in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti (investimenti in tecnologie cd. “industria 4.0”)

 

Super Ammortamento e Iper Ammortamento 2018

La legge di Bilancio 2018  ha prorogato per tutto il 2018 sia il super ammortamento, sia l’iper ammortamento, ovvero gli incentivi che consentono di maggiorare le quote di ammortamento degli investimenti in beni strumentali nuovi.

E’ possibile fruire del super-ammortamento e dell’iper-ammortamento per gli impianti fotovoltaici?

Con la Circolare n.4/E del 30/03/2017, l’Agenzia delle Entrate ha fornito importanti chiarimenti circa l’ammortamento fiscale degli impianti fotovoltaici. L’Agenzia infatti, in riferimento al super ammortamento – sugli acquisti di beni strumentali nuovi – e all’iper ammortamento –sull’acquisto di beni strumentali funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale delle imprese in chiave Industria 4.0 – ha riconosciuto la possibilità di dedurre dal reddito di impresa, sulla base di determinate circostanze, il costo di acquisto “maggiorato” dei beni strumentali nuovi. La stessa circolare ha chiaramente affermato che le componenti impiantistiche delle centrali fotovoltaiche sono ammortizzabili, in quanto beni mobili, con l’aliquota del 9% e, pertanto, in presenza di determinate condizioni possono usufruire del super-ammortamento.

Con legge di Bilancio 2018 rimangono valide per le PMI le misure di superammortamento sull’acquisto di beni strumentali (ad esempio un impianto fotovoltaico) con l’aliquota al 30%, non più 40% come per il 2017. Gli investimentiprevisti devono rientrare nell’anno solare 2018 o, in alternativa, entro il 30/06/2019 purché l’ordine tra cliente e fornitore sia stato accettato entro la fine dell’anno e venga versato acconto del 20% minimo. Beneficiari restano i titolari di reddito d’impresa e gli esercenti arti e professioni.

Nel 2017, questa misura ha fornito un’importante spinta alla realizzazione di impianti fotovoltaici di taglia commerciale ed industriale, che da gennaio a novembre dello scorso anno hanno coperto il 30% delle nuove installazioni.

Sebbene la Circolare, con riferimento a taluni beni agevolati, escluda espressamente la possibilità per gli operatori del fotovoltaico di usufruire dell’iper-ammortamento, dal tenore della norma sembrerebbe che le imprese operanti nel settore fotovoltaico possano astrattamente beneficiare anche dell’iper-ammortamento, ma solo a condizione che gli investimenti riguardino beni strumentali aventi determinate caratteristiche e ricompresi nella lista di beni di cui all’Allegato A della legge 11 dicembre 2016, n. 232 (legge di bilancio 2017).  La Legge di Bilancio 2018, ha prorogato, e nelle medesime misure, l’iperammortamento per le imprese previsto sull’acquisto con l’aliquota al 150% di macchinari ed apparati funzionali alla digitalizzazione dei processi produttivi. Possono essere ammessi all’per ammortamento i componenti, sistemi e soluzioni intelligenti per la gestione, l’utilizzo efficiente e il monitoraggio dei consumi energetici”.

 

4-Energy  si trova in via Ischia 276 a Grottammare. Per info 0735 586045, visita il sito 4-energy.it, oppure clicca QUI per visitare la pagina Facebook ufficiale.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 283 volte, 1 oggi)