MARTINSICURO – Terminati i lavori di ripascimento morbido sul litorale truentino.

“Quest’anno per la prima volta  – le parole di un soddisfatto Massimo Corsi, assessore al Demanio – abbiamo voluto utilizzare un metodo diverso per reperire la sabbia all’interno dell’approdo.

Gli altri anni utilizzavamo mezzi meccanici che scavavano da terra fino ad un metro di acqua la sabbia che ostruiva anche il passaggio delle barche, ma ogni anno avevano dei piccoli problemi di luminosità della sabbia, la quale, essendo reperita vicino alla riva, era molto più scura di quella che invece quest’anno abbiamo preso al centro dell’imboccatura del porto. Per fare ciò abbiamo utilizzato una imbarcazione Draga che arrivando dal mare si è posizionata al centro del porto aspirando oltre 6mila metri cubi di sabbia bianchissima senza odori particolari ed eventuali rimasugli marini che normalmente si trovano sulla riva dell’approdo.

Abbiamo dato priorità assoluta alla spiaggia libera e a quel tratto di spiaggia che ha risentito di una fortissima erosione (dalla concessione del Falco Azzurro fino alla Casa Bianca).

La seconda fase del lavoro non è ancora terminata, nel dettaglio manca uno scavo a riva per la fruibilità delle barche che al momento soffrono il varo a causa dell’insabbiamento.”

I lavori, costati 80mila euro, sono stati finanziati con fondi regionali.

 

 

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 247 volte, 1 oggi)