TERAMO – Operazione della Polizia nella tarda serata del 23 febbraio. Intorno alle 22.30 una pattuglia, nel corso di un posto di blocco lungo la SS 80 – Piano D’Accio, ha fermato un’automobile con a bordo una persona.

E’ terminata così la latitanza di T. M., 30enne di origini romane ma residente da tempo a Teramo. Il ragazzo era già noto alle forze dall’ordine e da febbraio era destinatario di un ordine di carcerazione per fatti risalenti all’ottobre 2015.

Infatti il 30enne, insieme a due complici e a un dipendente dell’istituto di vigilanza, si era reso responsabile di una rapina ai danni di un portavalori Ivri che trasportava denaro per due uffici postali di Valle Castellana per un importo di 130 mila euro. Furono arrestati poco tempo dopo il fatto.

T. M. è stato portato in carcere dove sconterà la pena residua di 2 anni e 8 mesi.

Durante la rapina le guardie giurate presenti sul portavalori, una volta fatte scendere con la minaccia di una pistola, vennero anche malmenate e lasciate in un’area dove non era presente la copertura per le comunicazioni telefoniche.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 764 volte, 1 oggi)