SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Non solo calcio. Attiva su tutti i fronti, la Società del Porto d’Ascoli si distingue anche lontano dal terreno di gioco. Lo scorso 14 gennaio è stata organizzata una cena benefica a favore dei bambini di Manina del Madagascar. Il risultato? Sono stati raccolti ben € 3320.

Grande la soddisfazione per la somma raccolta che ha permesso la costruzione di una scuola con 4 aule e una capienza di circa 200 alunni a Nosy Be, un’isola del Madagascar. Proprio lì vive Manina, una insegnate di filosofia in pensione che nel 1997 arrivò come turista poi affascinata dai luoghi vi restò. Venne a contatto con le numerose problematiche locali specie quelle legate ai bambini. Così iniziò a pagare la retta scolastica ad alcuni di loro, le richieste si moltiplicarono e si incominciò a costruire scuole e stipendiare i maestri. Le prime ospitavano 120 bambini, oggi sono 200 e più di 12.000 che vi accedono gratuitamente.

Il 5 novembre scorso una delegazione del Porto d’Ascoli è partita per Nosy Be. Ad accoglierli un clima di festa e di gioia dinanzi la scuola costruita dalla stessa Società. Sono stati consegnati medicinali e prodotti alimentari di prima necessità mentre ai bambini 11 casacche bianche e 11 casacche azzurre con impresso il nome della Società.

Gli ultimi giorni di gennaio il Porto d’Ascoli riproporrà una cena benefica al fine di aiutare ancora Manina e i suoi bambini ad avere un futuro migliore.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 849 volte, 1 oggi)