MONTEPRANDONE – Sette secoli di storie, memorie e tradizioni. Si è svolto nei giorni scorsi, presso l’Hotel San Giacomo di Monteprandone, il prelibato appuntamento con la “Cucina dello Spirito”.

Un evento organizzato per celebrare la festa di San Martino e che ha messo in luce i piatti della tradizione monastica autunnale attraverso un menù che ha incantato il palato dei presenti. Pan nociati delle clarisse della Serra de’ Conti, pesce in carpione servito a San Giacomo ad Assisi nel 1464,  zuppa cappuccina dei monasteri emiliani, risotto con zucca delle suore benedettine di Avellino, pappardelle al grasso d’oca proposto nel 600  nel bolognese , pollo ripieno al forno dal ricettaio tardo cinquecentesco di suor Maria Vittoria della Verde e molto altro ancora come le rape ripassate, l’insalatina delle 24 ore, purè dolce, castagnaccio di mele e le immancabili castagne ubriache.

Per guardare le interviste  all’ideatrice Ermetina Mira e al critico e docente Tommaso Lucchetti, cliccare in basso a destra.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 371 volte, 1 oggi)