SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Sul tema del Gas si faccia chiarezza, una volta per tutte”. A chiederlo è l’Italia dei Valori, con un messaggio rivolto a tutte le forze di maggioranza. “Politicamente è necessaria una presa di posizione limpida, la riteniamo doverosa per un senso di rispetto verso i cittadini. Le sensibilità sono diverse, ma vengano fuori”. Il Partito Democratico è quindi avvertito, con Palma Del Zompo che, a questo punto, esige dal sindaco un atto concreto: “Il Comune farebbe bene ad aderire allo strumento di autotutela promosso da Ambiente e Salute nel Piceno, per non essere coinvolto in futuro in probabili contenziosi”.

Dopo un’estate di silenzio sull’argomento, il movimento dipietrista torna all’attacco sposando un atteggiamento coerente al passato. La Del Zompo ricorda infatti il Consiglio Comunale del novembre 2011, quando rischiò l’isolamento dal resto del centrosinistra: “Ho mostrato fin dalla prima ora contrarietà al progetto della centrale di stoccaggio”, spiega la consigliera comunale, affiancata da Dante Merlonghi e Alessandro Marini. “Il rischio sismico, ambientale, geologico e di salute rimane. Non vogliamo essere allarmisti, ma siamo una realtà turistica e non possiamo permetterci un impianto di quel tipo”.

I dubbi dell’Idv verranno amplificati da ben 150 manifesti anti-gas affissi per tutta la città, a cui si sommeranno cartoline che saranno spedite nelle case dei sambenedettesi. “Il Ministero agli Affari Economici ha detto no allo svolgimento di una Conferenza dei Servizi sulla vicenda; è un rifiuto grave. Lo Stato non può far finta di nulla”. Tuttavia, in Parlamento verrà discussa a breve un’interrogazione che vede Di Pietro e il coordinatore David Favia come firmatari.

“Ho accettato ben volentieri l’iter promosso dall’amministrazione – conclude la Del Zompo – con lo studio dell’Unicam e la commissione presieduta da Cappelli. Sono stati soldi spesi bene. Adesso, però, questo percorso si è concluso”. La palla passa pertanto agli alleati. Pd, Verdi e Socialisti scelgano definitivamente quale strada percorrere.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 500 volte, 1 oggi)