SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Ed ora la squadra. Con attaccanti, mediani, terzini, e un portiere. Per ora si sa solo il nome dell’allenatore, il neo-eletto sindaco Giovanni Gaspari. Proviamo a realizzare un gioco chiedendo il coinvolgimento di chi lo vorrà nel disegno della prossima giunta Gaspari (il primo consiglio comunale dovrebbe svolgersi il 19 giugno).

Margherita Sorge ha indicato come preferenza il ruolo di assessore ai Servizi Sociali. E’ la più votata dell’intero centrosinistra, crediamo che Gaspari non potrà dirle di no. Questo però comporterebbe lo spostamento di Loredana Emili da quell’incarico ad un altro: se ciò avverrà, crediamo che la Emili avrà un incarico pesante: Lavori Pubblici probabilmente, o addirittura Urbanistica se Gaspari intenderà fare un passo indietro su questa intricata vicenda. In alternativa, Attività Produttive e Commercio.

Vicesindaco e Presidente del Consiglio Comunale: ragione vorrebbe che uno dei due ruoli sia assegnato a Palma Del Zompo dell’Idv e un altro a Leo Sestri dei Socialisti. E probabilmente la Del Zompo sostituirà Giulietta Capriotti in Consiglio comunale, mentre Sestri diverrà vicesindaco, mantenendo comunque altre deleghe (Lavori Pubblici, ad esempio, o il Bilancio).

Assessore all’Ambiente sarà Andrea Marinucci dei Verdi, allo Sport Eldo Fanini dell’Idv. Restano due posti: uno dovrebbe andare a Marco Curzi, l’unico eletto nella lista civica del sindaco Città Aperta, e uno ad un componente del Partito Democratico. Si tratta degli assessorati al Turismo e alla Cultura. C’è Fabio Urbinati che scalpita e potrebbe avere il primo, e a Curzi resterebbe la Cultura.

Il pericolo è che troppi appetiti facciano venire una gran fame. L’augurio è che gli incarichi alle partecipate siano assegnati rispettando il 35% dei giovani al di sotto dei 30 anni disoccupati.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.290 volte, 1 oggi)