SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Italia dei Valori e Partito Democratico, finalmente l’incontro. Martedì sera le due delegazioni del centrosinistra si sono incontrate per una breve ricognizione sul lavoro svolto dalla coalizione durante gli ultimi cinque anni, in vista delle prossime elezioni comunali.

“Si sono fatte alcune proiezioni su quello che potrebbe essere il programma per il prossimo eventuale mandato – spiegano in una nota l’assessore comunale Eldo Fanini e il responsabile Enti Locali Dante Merlonghi – sui temi strategici delle infrastrutture, della viabilità, della cultura, dei giovani, degli anziani e soprattutto del lavoro. Durante l’incontro è stato riconosciuto che l’Italia dei Valori è uno dei partiti fondamentali della coalizione di centrosinistra, anche sulla scorta del 13% di voti ottenuto alle ultime elezioni regionali”.

Il confronto è arrivato pochi giorni dopo una bollente conferenza stampa in cui gli stessi dipietristi rimproveravano al Pd una sorta di colpevole immobilismo: “Il terzo polo si sta muovendo, noi che facciamo?”, dichiarò polemicamente Palma Del Zompo. “Non possiamo essere considerati come gli alleati scontati, vogliamo dire la nostra. Siamo solo noi e il Pd? Oppure l’arco va da Udc a Sel? Il Pd finora non ha lavorato in questo senso e le cose non si devono decidere all’ultimo momento, ci vuole un’unione di programmi, non un’accozzaglia di partiti”.

Ecco allora che l’Idv annuncia che dopo i democratici contatterà anche altre forze, quali Sel, Verdi, ma pure Udc e Socialisti. E sulle primarie avverte: “Noi riteniamo che esse non siano affatto uno strumento indispensabile, tanto più se saremo tutti d’accordo sul nome del candidato sindaco. La scelta, del resto, verrà effettuata come naturale conseguenza dell’ottimo lavoro svolto e del bisogno di una continuità nell’azione amministrativa”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 213 volte, 1 oggi)