OFFIDA – Dibattiti e discussioni sono previsti anche per quest’anno alla Festa di Liberazione, curata dal circolo di Offida di Rifondazione Comunista. Il primo incontro di giovedì 22 luglio, tratterà il tema del filo sottile che lega Pomigliano d’Arco alla Palestina con interventi di Enrico Bartolomei, attivista per i diritti umani in Medio Oriente e il professor Antonio Moscato, docente di Storia del Movimento Operaio all’Università di Lecce.

L’indomani, venerdì 23 luglio si discuterà di politica locale e di un tema che in questo periodo è di grande attualità: agricoltura e “Chilometro Zero”. Autorevoli le voci in campo, tra le quali l’ex presidente della Provincia Massimo Rossi, l’economista Emanuela D’Angelo e, soprattutto, Paolo Agostini, già consulente di Municipalità come Roma e Parigi per la gestione dei pasti nelle mense. Si tratta di un personaggio che ha saputo introdurre concetti come la Filera Corta in contesti da 160 mila pasti al giorno. L’obiettivo del dibattito sarà fare proposte pratiche e realizzabili agli amministratori locali, per favorire il rilancio del settore agricolo in forte crisi.

Sabato 24 infine sarà il momento della musica, con un omaggio al grande Fabrizio De André. Sei band emergenti, infatti, oltre al proprio repertorio, proporranno la personale versione della “Canzone del Maggio” del poeta genovese.

Ogni sera, oltre a dibattiti e musica, si potranno degustare tipicità enogastronomiche e vini locali. Ma ci sarà spazio per la poesia, la fotografia e il divertimento, in particolare venerdì sera, con “Red Trash Night”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 570 volte, 1 oggi)