ASCOLI PICENO –Presentati i risultati conseguiti con il progetto “Pozzi ed acque sotterranee del centro storico di Ascoli: una strategia di valorizzazione e di risanamento” realizzato dall’Associazione Ascoli Nostra e sostenuto grazie al determinante contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno che ha inserito il progetto nel Piano pluriennale 2005/2007 con un importo complessivo pari a 130 mila euro.

Il Progetto che ha la finalità di realizzare una mappatura degli antichi pozzi e restituire tale patrimonio artistico e culturale alla cittadinanza, è la dimostrazione di come lavora la Fondazione ed ulteriore esempio concreto dell’impegno a favore della comunità.

La Fondazione infatti svolge due attività: da un lato produce reddito, dall’altro utilizza il reddito prodotto per creare valore nella comunità, un valore sociale che è maggiore rispetto al reddito erogato.

Il valore aggiunto, in questo progetto, per la comunità è dato dal lavoro dell’Associazione Ascoli Nostra e dalle sinergie attivate che hanno permesso, grazie all’intervento della Fondazione, di mettere insieme diversi Enti che operano nel territorio che hanno fattivamente collaborato mettendo a disposizione risorse e competenze.

Il protocollo d’intesa del 14 febbraio 2007, che ha permesso la creazione della rete, è stato firmato oltre ai promotori Fondazione ed Ascoli Nostra, dall’ATO (Autorità di Ambito Territoriale Ottimale del Servizio Idrico Integrato n. 5 della Regione Marche), dall’ Autorità Interregionale del Bacino del Fiume Tronto dalla C.I.I.P. S.p.A. – Cicli integrati Impianti Primari, dal Comune e dalla provincia di Ascoli Piceno, dalla Sezione Edili dell’Associazione degli Industriali della Provincia di Ascoli Piceno ed infine dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali- Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici delle Marche che ha aderito posteriormente.

Il progetto si articola in fasi, una storica che si occupa del censimento, catalogazione e ricerche di archivio ed una scientifica che esegue rilevamenti, misurazioni e sondaggi. Per portare a termine nel migliore dei modi queste fasi di studio e di ricerca, l’Associazione Ascoli Nostra è ricorsa alla collaborazione di tecnici e studiosi locali quali storici, geologi, archeologi, ingegneri ed architetti, oltre al coinvolgimento di professori universitari di Perugia ed Ascoli.

Questo progetto si integra inoltre con il contemporaneo recupero delle fontane storiche, sempre a cura dell’Associazione Ascoli Nostra con il prezioso sostegno della Fondazione Carisap, consentirà la realizzazione di un percorso tematico sull’acqua attraverso fontane e antichi pozzi che arricchirà certamente la peculiarità dell’unicum che caratterizza il centro storico di Ascoli Piceno.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 360 volte, 1 oggi)