MARTINSICURO – Presenze turistiche in calo a Martinsicuro nell’estate 2009, per una stagione che però tutto sommato non può essere considerata totalmente negativa. Se infatti nel 2008 le presenze turistiche erano a quota 515.535, nel 2009 si fermano a 450.665. Una cifra, quest’ultima, che seppure inferiore a quella dell’anno precedente, deve essere considerata in funzione di due variabili: la parzialità del valore, in quanto una serie di strutture turistiche non ha provveduto a riconsegnare i moduli delle presenze, e il fattore terremoto, perché nel numero non sono stati inclusi gli sfollati che nei mesi estivi ancora si trovavano in campeggi ed alberghi.

D’altro canto poi l’eco del sisma ha influito sulle attività turistiche in due modi diametralmente opposti: da un lato ha provocato numerose disdette delle prenotazioni all’indomani del 6 aprile da parte di coloro che, spaventati dalla tragedia dell’Aquila, hanno pensato di trascorrere le vacanze estive in altre regioni, e dall’altra ha fatto riversare già dopo un paio di settimane nelle strutture ricettive della costa migliaia di sfollati in attesa di una sistemazione definitiva.

Questa situazione ha naturalmente portato ad uno “sfasamento” del numero delle presenze, che quindi, tenendo conto di tutte le variabili in gioco, si è tenuto a Martinsicuro su valori piuttosto accettabili anche se tendenti al ribasso, così come negli altri comuni costieri del teramano, dove complessivamente nel 2009 si sono avuti 302.556 arrivi e 2.444.864 presenze, così suddivisi:

Tortoreto 45.786 arrivi e 465.645 presenze; Martinsicuro: 53.102 arrivi e 450.665 presenze; Giulianova: 52.123 arrivi e 385.658 presenze; Alba Adriatica: 51.507 arrivi e 346.594 presenze; Roseto degli Abruzzi: 41.293 arrivi e 341.489 presenze; Silvi 35.308 arrivi e 233.016 presenze; Pineto 23.437 arrivi e 221.797 presenze.

A Martinsicuro, dopo aver fatto le debite valutazioni sulla stagione 2009, operatori turistici e Comune si stanno rimboccando le maniche in funzione della prossima che si prospetta ormai dietro l’angolo. Tra le novità del 2010 ci sarà l’attesissimo progetto del Piano Marketing, voluto fortemente sia dalle associazioni di categoria che dall’assessorato al Turismo, per l’elaborazione di strategie volte ad affrontare la questione del turismo con un rigoroso approccio tecnico-scientifico.

«Abbiamo già svolto alcuni incontri con gli operatori turistici – ha affermato l’assessore al Turismo Patrizia Ciufegni – ora il prossimo passo sarà l’incontro con i tecnici incaricati dell’elaborazione del Piano, che spiegheranno tutti i particolari dell’operazione». Il progetto dovrebbe prevedere una serie di ricerche ed analisi del potenziale turistico locale, lo sviluppo di strategie di commercializzazione e promozione di prodotti e risorse del territorio, oltre a statistiche, sondaggi, interviste ai turisti per coglierne le varie aspettative in funzione di una vacanza ottimale. «Coinvolgeremo nel progetto anche i cittadini e le scuole – prosegue la Ciufegni – attraverso iniziative mirate alla formazione di una “coscienza turistica”, che spesso impropriamente si attribuisce solo agli operatori del settore, ma che è funzionale a rendere un luogo turistico più accogliente e vivibile non solo per coloro che vi trascorrono le vacanze, ma anche per quelli che vi risiedono».

Il Piano Marketing sarà elaborato nel corso di tre anni, per un costo complessivo di circa 20mila euro, divisi in egual misura tra Comune ed operatori turistici.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.070 volte, 1 oggi)