SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Addio Natale al Borgo. È ufficiale, lo si sa. Ma come ogni addio lascia dei rancori. Il consigliere del Pdl Giorgio De Vecchis e i colleghi di partito Benito Rossi, Vincenzo Amato e Luigi Ursini in una nota scrivono «di aver saputo che la manifestazione non verrà presentata ai cittadini per volontà del presidente di quartiere Stefano Gaetani e per volontà dell’amministrazione comunale».
«Sarebbe da chiedere ai cittadini – continuano – se la pensano alla stessa maniera dei suddetti soggetti che a nostro parere si arrogano di rappresentare il pensiero di tutta quella gente che per ore e ore si metteva in fila per gradire molte rievocazioni della nostra cultura sambenedettese. Lo scorso anno non ha portato fortuna il cambio di programma di Natale al Borgo ed infatti il calo delle presenze ne testimoniarono l’operato. Quest’anno è addirittura arrivato l’azzeramento della manifestazione. Complimenti!»
«Non poche difficoltà affrontarono i componenti dei Comitati di Quartiere precedenti rispetto l’attuale, soprattutto in termini burocratici, sino ad incassare anche zero finanziamenti per Natale al Borgo, ma nonostante tutto riuscirono “sempre” a presentare uno spettacolo a dir poco inimitabile. L’attuale Presidente più che assumersi un peso di responsabilità che non riesce a reggere dovrebbe assumere altre decisioni».
«Il Paese Alto – concludono i rappresentanti del CPdl – dunque non è proprio fortunato, a partire dalla auspicata e corretta gestione della Torre dei Gualtieri che, pare non riesca a meritare un soggetto gestionale che possieda i requisiti previsti dalla legge. Chi vivrà vedrà».

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.045 volte, 1 oggi)