ALBA ADRIATICA – Per non dimenticare. Emanuele Fadani come Antonio De Meo. Due vittime innocenti di aggressioni violente che li hanno ingiustamente strappati alla vita. Per tenere alta l’attenzione sulla questione sicurezza sul territorio vibratiano, sabato 28 novembre ad Alba Adriatica è stata organizzata una fiaccolata pacifica che si snoderà per le vie della città. Gli organizzatori hanno invitato tutti i cittadini a partecipare numerosi, in un corteo che vedrà in prima fila non solo i familiari delle vittime ma anche molti esponenti sia dell’amministrazione comunale albense che delle cittadine limitrofe.

Il ritrovo è previsto per le ore 17,30 in Piazza del Popolo, da cui si partirà alle 18 in direzione viale Mazzini. Da qui, una volta giunti davanti al locale dove Emanuele Fadani è stato ucciso a calci e pugni dai tre rom, il corteo si fermerà in raccoglimento per pregare. La fiaccolata poi proseguirà fino alla Bambinopoli, dove ad accogliere il corteo ci sarà il vescovo di Teramo Monsignor Michele Seccia.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.086 volte, 1 oggi)