SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Tra breve dovrebbero concludersi i lavori nel palazzo comunale di via Turati fra statale 16 e Salaria, un immobile per la cui ristrutturazione il Comune nel 2003 scelse il sistema del project financing. La sua riqualificazione è durata di molto oltre il previsto in quanto i lavori sono rimasti fermi circa sei mesi per un contenzioso che riguardava la difformità dell’altezza del soffitto nell’ultimo piano, rispetto al progetto originale.
Poi la ditta costruttrice, nell’effettuare i lavori di sottosuolo, si è trovata impegnata in una ragnatela di vecchie tubature e servizi per cui è stato giocoforza procedere a ritmi più lenti e chiedere una proroga. Ma ora che tutto sembra pronto potrebbe sorgere un altro problema.

Secondo l’ultima modifica alla convenzione apportata in data 22 luglio 2005 a firma del funzionario Ernesto Giorgetti con la ditta “Turati Project”, quest’ultima riserva 118 metri quadri di spazio al primo piano con ingresso laterale al Comune più 4 box parcheggio collocati al di sotto del giardino pubblico già esistente.

In questo locale vi dovranno trovare posto i nuovi distaccamenti dell’ufficio Anagrafe e della Polizia Municipale. Secondo una nostra fonte, ci sarebbe più di un dubbio sulla capacità di ospitare i due distaccamenti del Comune in modo funzionale. Difatti, nel solo comparto riservato all’Anagrafe, dovranno trovare spazio gli speciali contenitori antiurto e antincendio che racchiudono i documenti comunali di molti decenni. E la mole di quest’ultimi sembra occupare già gran parte del posto concesso.

L’assessore ai Lavori Pubblici Leo Sestri recentemente dichiarava che non è stata ancora attuata la ripartizione tra i due settori per cui si vedrà al momento come meglio configurare i diversi bisogni. Ma dalla cartina topografica in nostro possesso, sicuramente soggetta a correzioni, lo spazio per i due distaccamenti ora risulta molto esiguo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.098 volte, 1 oggi)