ANCONA – «Per me le miniere sono state uno scandalo dell’epoca. Estrarre il carbone nelle condizioni in cui si era obbligati a lavorare in Belgio è stato un crimine contro l’umanità».
Sono alcuni passi di “Marcinelle: memorie, sussurri e note“, lettura teatrale – a cura della giornalista marchigiana Paola Cecchini e di Carlo De Foi – che è andata in scena per la Festa della Repubblica del 2 giugno, al teatro “Pier Paolo Pasolini” di Casarsa della Delizia a Pordenone.

Lo spettacolo, tratto dal libro “Fumo nero-Marcinelle 1956-2006“, scritto dalla stessa Cecchini, ed edito dalla Regione Marche, è stato organizzato dall’Associazione Nazionale Ex Minatori (Anem) e dall’Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi del Lavoro (Anmil).

Il libro, patrocinato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal Ministero degli Italiani nel Mondo, è stato presentato a Bruxelles presso il Parlamento Europeo, ricostruisce due eventi importanti per la storia dell’emigrazione italiana in Belgio: il cinquantenario della tragedia mineraria del Bois du Cazier a Marcinelle (8 agosto 1956) e il sessantenario della stipula del Protocollo italo-belga (23 giugno 1946), passato alla storia come “accordo uomo-carbone”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.730 volte, 1 oggi)