Grottammare-Centobuchi 0-0

GROTTAMMARE: Domanico, Iampieri (61° Napolano), Marcatili, Polenta, Oddi, Marranconi, Cremaschini, Traini, Bucchi, Bolzan (81° Curzi), Tealdi. A disposizione: Di Salvatore, Lopetuso, Costanzo, Ascani, Pasquini. All. Izzotti.
CENTOBUCHI: Merletti, Alessandrini, Mozzoni, Cameli, Corradetti, De Amicis, Cesani (83° Troli), Simoni, Di Giuseppe, Pini (69° Costescu), Giu. Pesce. A disposizione: Di Giacomo, Di Donato, Pignoloni, Scipioni, Gia. Pesce. All. Marocchi
Arbitro:Genova di Bologna.
Ammoniti: Pini (C), Giu. Pesce (C), Alessandrini (C), Tealdi (G).
Angoli: 7-2.
Spettatori: 350 circa. Una cinquantina quelli provenienti da Centobuchi.
Note: al 45° rigore fallito dal Grottammare con Bucchi
GROTTAMMARE – Una partita vera, combattuta e corretta. Il derby delle squadre picene offre un calcio godibile, nonostante la mancanza di reti. Il match inizia dopo un minuto di silenzio per un rispetto davvero sentito verso il maresciallo Daniele Paladini, ucciso da un attentato in Afghanistan.
La prima occasione è degli ospiti all’8° con un miracolo di Domanico su Di Giuseppe. Il numero 9 del Centobuchi è abile a girarsi dentro l’area piccola dopo un cross di Cesani dalla destra, ma il portiere si supera. Sugli sviluppi del corner De Amicis mette di nuovo alla prova i riflessi di Domanico, che se la cava con i pugni.
La formazione di Marocchi sembra avere il pallino del gioco, ma il resto della partita smentirà questa interpretazione. Tealdi si fa vivo con un sinistro incrociato alto. Al 22° Traini riconquista un pallone e scende sulla destra mettendo in mezzo per Tealdi, ma l’attaccante di proprietà del Perugia non ne approfitta.
Lo stile “inglese” dell’arbitro fomenta ancora di più l’agonismo. Al 31° De Amicis ci prova con un tiro da fuori. Al 33° Giuseppe Pesce spreca un colpo di testa in area da posizione favorevole; la squadra di Marocchi stava per finalizzare forse l’unica discesa sulla fascia destra di Alessandrini.
Da lì in poi comincia il dominio dei padroni di casa; al 35° applausi per Cremaschini, sul cui cross Bucchi viene anticipato da Alessandrini; tre minuti dopo una punizione a giro di Bolzan sibila sulla traversa; al 45° il Grottammare guadagna un rigore per una vistosa trattenuta di De Amicis su Oddi, in seguito a un corner.
Bucchi però spreca l’occasione con un tiro centrale e debole che il portiere Merletti non fatica a bloccare.
Al 50° una nuova traiettoria subdola di Bolzan impegna Merletti, mentre all’53° Pini rompe l’assedio con un destro di contrabbalzo da fuori area, troppo centrale.
Al 55° Cremaschini perde il momento giusto per colpire dentro l’area avversaria. Napolano dà velocità alla squadra di casa e si fa vivo con un esterno destro dal limite dell’area, di poco fuori.
Il Centobuchi arretra il suo baricentro e soffre la sua pochezza in avanti. Al 67° Traini ha sui piedi il match point su appoggio di Tealdi, ma l’esterno destro è debole e viene parato da Merletti.
All’80° il peperino numero 11 sfugge alla marcatura, si gira in area e mette un sinistro velenoso poco sopra il sette. Il Centobuchi resiste e l’ultima occasione è un tiro cross di Napolano, dopo un dribbling sul terzino Mozzoni.
Al 94° il match si conclude fra i sinceri applausi del pubblico presente e le strette di mano fra le due squadre.

Sul settimanale Riviera Oggi in edicola da lunedì 26 novembre ampio speciale sul derby con interviste, pagelle, servizio fotografico e un bellissimo poster

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 910 volte, 1 oggi)