SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Anche Forza Italia lancia l’allarme sull’aumento della pressione fiscale in seguito all’approvazione del bilancio previsionale 2007-2009.
«L’abbiamo detto in tempi non sospetti, ora è inutile che Gaspari sposti l’attenzione dal problema parlando di previsioni variabili per il 2008», attacca il capogruppo Bruno Gabrielli.
A proposito del consistente capitolo di spesa previsto per gli incarichi esterni, commenta: «Puntare sui consulenti esterni è una sconfitta per un sindaco in carica da neanche un anno». Gabrielli propone anche un emendamento al bilancio 2007 che sarà approvato il 4 aprile.
«Bisogna sostenere le famiglie numerose con sgravi fiscali perché la denatalità è un grave problema di questo paese». Le agevolazioni che propone sono l’applicazione dell’aliquota minima dell’Ici (4 per mille, più la detrazione massima consentita di 258 euro), la riduzione del 35% sulla Tarsu (tassa sui rifiuti solidi urbani), buoni pasto gratis nelle mense scolastiche per ogni figlio (naturale, adottivo o affidato) e la riduzione del 50% per tutti gli eventi organizzati dal Comune (stagione teatrale, concerti, manifestazioni sportive).
«Secondo gli uffici comunali – spiega Gabrielli – questo emendamento comporta una riduzione delle entrate per 200 mila euro. Si potrebbero compensare rinunciando all’assunzione a tempo determinato di un funzionario presso il settore Lavori Pubblici, facendo economie sul lavoro interinale presso l’Urp e stabilizzando il personale interno in servizio a tempo determinato da almeno tre anni, anziché fare nuove assunzioni. Del resto è un’opportunità prevista dall’ultima Finanziaria».
L’attenzione alle famiglie numerose, peraltro non messa in atto dalla giunta Martinelli, oggi sarebbe ancora più necessaria in quanto, secondo Gabrielli, «questa maggioranza dimostra di tutelare più le coppie di fatto e quelle omosessuali rispetto alla famiglia tradizionale».
L’altro emendamento del consigliere Andrea Assenti propone uno storno di 5000 euro dai 200 mila euro destinati al servizio Parchi e Tutela Ambientale del Verde. «Basterebbero per installare un sistema di videosorveglianza presso il parco Ristori di Porto d’Ascoli, dove il vandalismo e il degrado sono ormai veramente insostenibili».
Il terzo consigliere di Fi Giovanni Poli chiede che fine farà il surplus (1 milione e 355 mila euro) derivato dalle entrate della Tarsu, che peraltro sono previste in diminuzione rispetto al 2006. «Perché allora nel bilancio previsionale del 2008 prevedono un aumento del 6% di questa tassa?».
Il commissario comunale Luigi Citeroni punta invece l’attenzione sulle perdite delle società partecipate e sull’aumento assoluto delle rette per gli ospiti del Centro Sociale Primavera.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 726 volte, 1 oggi)