SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Rivoluzione nel settore giovanile della Samb. Come anticipato nel numero 659 del nostro settimanale Riviera Oggi (in edicola dallo scorso 24 dicembre), Alessandro Alesiani prima di Natale ha rassegnato le proprie dimissioni dall’incarico di allenatore della formazione Berretti, pronunciando parole anche piuttosto pesanti nei confronti del responsabile dell’area tecnica Egidio Papi.
LE SPIEGAZIONI DI MISTER ALESIANI Il sodalizio di Viale dello Sport da parte sua ha ufficializzato la decisione del tecnico sambenedettese solo dopo Santo Stefano: il presidente Gianni Tormenti infatti ha tentato di convincere Alesiani a ritornare sui propri passi, ma il neo-dimissionario non ha voluto sentire ragioni. Il motivo? Ce lo spiega lo stesso ex mister rossoblu: «Non accetto il cambiamento, inspiegabile, di programmi societari. In estate la dirigenza mi aveva suggerito di puntare sui ragazzi classe ’88, ’89 e ’90, per fare un discorso in prospettiva. Così è stato fatto. Poi, dopo quattro mesi, mi si viene a dire che i ’90 devono tornare alla categoria di competenza (gli Allievi, nda). E’ assurdo: avevo sposato il progetto iniziale, ma non ci sto a mutare registro in corsa. Se questa cosa mi fosse stata proposta a inizio stagione non ci sarebbe stato niente di male, ma in questo momento danno l’impressione di essersi accorti di aver fatto un errore; così ne stanno facendo un altro. Come posso andare avanti se non credo in questo nuovo progetto?».
IL DOPO ALESIANI: SOLUZIONE “INTERNA” La guida della Berretti, che, ricordiamo, attualmente staziona al terz’ultimo posto della graduatoria del girone E, con 8 punti, è stata affidata a Daniele Catto, la cui investitura ha provocato la “promozione” di Stefano Nico a tecnico degli Allievi Regionali. A Gigi Voltattorni sono invece state affidate le due squadre dei Giovanissimi. Resta al suo posto infine, Antonio Piccorossi, alla guida degli Esordienti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.459 volte, 1 oggi)