VOLTATTORNI: «Siamo riusciti a sfruttare le occasioni che ci sono capitate. Un plauso a tutta la squadra, perchè la Pro Patria aveva gli stimoli giusti per lottare per i play off. La mia squadra è stata incredibile, mettendo in campo una tale intensità e una tale grinta da non lasciare scampo all’avversario. Il primo tempo? Non li abbiamo sofferti molto, anzi credo più il contrario. Nella prima frazione siamo stati bravi ad imporre il nostro gioco, poi nella ripresa abbiamo sfruttato gli spazi creati dalla Pro Patria che cercava di pervenire al pareggio. Peccato per i risultati delle altre concorrenti per la salvezza. E’ anche vero che se non avessimo vinto, sarebbe stato peggio. Purtroppo l’infortunio di Scandurra potrebbe rivelarsi serio. Ci mette tristezza in questa giornata comunque felice. Il Genoa? Lo stadio ci aiuterà a superare anche questo difficoltà, anche se sappiamo che quella sarà una partita a sé. Abbiamo gli stimoli giusti. Speriamo anche in qualche recupero importante, non dico che saremo alla pari con la capolista, ma ce la giocheremo mettendocela tutta come al solito. I tifosi venuti da San Benedetto? Siamo orgogliosi di loro, li stiamo ripagando di tutti i sacrifici che fanno. Auguriamo loro, io e tutto lo staff tenico, una felice Pasqua».
DE GIORGI (allenatore in seconda; ha sostituito Discepoli, squalificato): «Complimenti innanzitutto alla Samb, che nonostante il ritmo che abbiamo cercato di imporre nel primo tempo, non ci ha permesso di fare gol. Dopo il gol di Scandurra la gara è cambiata. Abbiamo cercato di reagire, ci siamo anche “sistemati?, ma è arrivata la seconda rete, che ci ha letteralmente tagliato le gambe. Docente? Sapevamo che era pericoloso, che non gli si potevano concedere troppi spazi, ma non siamo stati in grado di fermarlo. Sapevamo cosa dovevamo fare, ma la Samb è stata brava a metterci il bastone tra le ruote».

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1 volte, 1 oggi)