SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Bruno Targusi, direttore organizzativo del tour Queen at The opera, ha  recentemente incontrato  il sindaco,  Pasqualino Piunti, e l’assessore alla cultura, Anna Lisa Ruggeri, del Comune di San Benedetto del Tronto, per presentare loro show. Gli amministratori si sono detti favorevoli  all’opportunità  di accogliere questo straordinario spettacolo dal vivo che  potrebbe svolgersi nella prima quindicina di agosto nell’ex stadio Ballarin, recentemente riaperto e parzialmente riqualificato. 

Si tratta di un momento particolare e Queen at the Opera, fermato dalla pandemia all’apice del successo del Love Tour 2019, è ora in piena ripresa e sta per annunciare una fittissima tournée.  

Queen at the Opera, potrebbe, quindi, fare tappa a San Benedetto del Tronto. L’assessore Annalisa Ruggeri è rimasta favorevolmente colpita dal progetto e si è già attivata alle dovute verifiche. 

Queen at the opera è uno spettacolo dove musica sinfonica  e rock band fanno da sfondo a un percorso emozionante che continua a raccogliere standing ovation e tutto esaurito. 

Nato da un’idea di Simone Scorcelletti, prodotto da Duncan Eventi, Queen At The Opera è interamente basato sulle leggendarie musiche dei Queen, arrangiate dal Maestro Piero Gallo

In tournée internazionale dal 2015, lo spettacolo si trasforma ed evolve rendendo omaggio ai numerosi spettatori che ritornano a vederlo con nuovi arrangiamenti nella scaletta e qualche novità, con brani molto caratterizzanti dei Queen, per i quali il maestro Piero Gallo trova sempre il modo di aggiungere sfumature e innovazione.  

Classici senza tempo come We are the champions, Barcelona, Bohemian rhapsody, We will rock you, The show must go on, Radio ga ga, A kind of magic, Under pressure, Another one bites the dust, restano l’asse portante, rivivendo ogni volta nel loro travolgente splendore, grazie alla perfetta fusione sonora, potente ed elegante, che solo la musica sinfonica mescolata al rock dal vivo può generare. Il tutto è impreziosito da un suggestivo visual show, che rende l’atmosfera dello spettacolo ancora più emozionante e coinvolgente. 

Un successo in crescendo, per una produzione nata ancor prima del film Bohemian Rapsody.  Queen at the Opera si distingue, infatti, da ogni tipo di tributo perché perpetua, dilata e rinnova l’unione di generi alla base dei capolavori dei Queen, e questo è il motivo per cui continua a registrare sold out e favore del pubblico. Registri lirici estesissimi delle voci soprano si mescolano al graffiante rock, arpeggi acrobatici della chitarra si fondono con la dolcezza delicata degli archi, mentre si compongono le voci di cantanti in un tributo straordinario, senza una sbavatura. 

Il tour prevede tappe nelle migliori arene italiane e internazionali, a testimoniare l’assoluto rilievo che si è ritagliato nel mondo degli eventi. 


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.