GROTTAMMARE – Accoglienza e sicurezza anche in spiaggia, protocolli alla mano per affrontare un’altra stagione estiva condizionata dall’emergenza sanitaria. A 48 ore dall’avvio della stagione nelle Marche, nella mattinata del 29 aprile, si è svolto in modalità remota il primo incontro tra l’amministrazione comunale di Grottammare e gli imprenditori balneari per un  aggiornamento  sulle regole in vigore: all’ordine del giorno, infatti, tutta la normativa legata alle modalità della ripresa economica  del comparto (caratterizzato da circa 50 concessioni balneari), dai protocolli di sicurezza sanitari alle norme tecniche necessarie per poterli applicare secondo la legge.

Per il sindaco Enrico Piergallini,  promotore della “stanza digitale operatori balneari” – strumento avviato già nel 2020 dall’Amministrazione per comunicare con gli operatori  anche in tempo di pandemia – un’iniziativa per fare chiarezza e sciogliere i dubbi, con particolare riferimento alla questione della somministrazione di alimenti e bevande all’aperto: “Proseguendo l’esperienza dell’anno scorso e soprattutto dando seguito al principio della partecipazione che informa da anni l’Amministrazione di Grottammare, abbiamo deciso anche quest’anno di ‘aprire’ delle stanze digitali dedicate ad alcune categorie commerciali, per condividere la documentazione e la normativa relativa alle loro attività. L’obiettivo è dare più possibile indicazioni certe, affinché gli operatori sappiano cosa fare, come organizzarsi e quali referenti contattare in caso di dubbio. Da remoto abbiamo iniziato dagli stabilimenti balneari poiché la stagione nelle Marche inizierà in anticipo il primo maggio”. 

Presenti all’incontro partecipato da una ventina di operatori, anche gli amministratori comunali, il personale tecnico dei servizi di riferimento Demanio, Turismo e Manutenzioni e le associazioni di categoria Confcommercio, Confesercenti e Cna. 

“È stata l’occasione per discutere anche insieme ai rappresentanti delle associazioni di categoria presenti alcune questioni ancora dubbie dei protocolli, posso dire però che il clima generale, sia degli amministratori, sia degli operatori, quest’anno è un po’ più sereno. Ormai, ci siamo un po’ tutti abituati a gestire l’emergenza” afferma Piergallini.

Sul tavolo, anche la novità della sicurezza a mare che, da quest’anno, verrà estesa a sud di circa 50 metri necessari a coprire un tratto caratterizzato da forte risacca, mentre per quanto riguarda la fruizione delle spiagge il Comune replicherà l’esperienza dei distanziatori negli arenili pubblici, con l’assistenza di personale ad hoc. Si è accennato anche alle aperture che verranno (strutture ricettive, spettacoli all’aperto, cerimonie, intrattenimenti) oggetto della recente conferenza Stato-Regioni.

I documenti e la normativa trattati sono elencati di seguito e allegati al presenti comunicato: 

Decreto Legge 22 aprile 2021 52 sulle riaperture; Linee_Guida riapertura_28Aprile 2021

Circolare del Ministero dell’Interno (con chiarimenti su alcuni aspetti della ristorazione);  circolare Ministero Interno DL 22 aprile 2021

Linee guida della Conferenza Stato-Regioni per la riapertura delle attività; Linee_Guida riapertura_28Aprile 2021

Ordinanza regionale di apertura della stagione balneare 2021; inizio stagione balneare Regione Marche 2021

Linee guida 2020 della Regione Marche per le attività ricettive e gli stabilimenti balneari (in via di riconferma);  ALLEGATI Regione Marche Stabilimenti e ricettività dgr modifiche dopo dpcm 17_05

Interpretazione della Regione Marche sulla somministrazione all’aperto; Regione Marche interpretazione in materia di attività produttive

Ordinanza della capitaneria di porto per la sicurezza in mare; circolare Ministero Interno DL 22 aprile 2021


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.