FERMO -“I recenti furti perpetrati ai danni di esercizi pubblici della costa hanno maggiormente allertato le Forze di polizia nella vigilanza degli obbiettivi dei ladri con particolare riguardo agli chalet del litorale fermano, l’attività dei quali è sospesa anche per le disposizioni in materia di contrasto all’epidemia, ma anche tabaccherie, attività commerciali e di ristorazione”.

Così si apre la nota della Questura di Fermo, diffusa il 18 novembre:In questo contesto le Volanti della Questura come tutte le pattuglie in servizio di controllo del territorio stanno procedendo ad attente verifiche sia sulle strade del lungomare che nelle vie interne dei Comuni del Fermano. Questa notte, a Porto Sant’Elpidio, gli operatori della Polizia di Stato hanno sventato un furto in atto presso una tabaccheria. L’equipaggio della Volante si è accorto che il vetro della porta dell’esercizio pubblico era infranta e che, pochi istanti prima si era attivato l’allarme antiintrusione. Dopo aver raggiunto il negozio gli operatori hanno intravisto, all’interno, la sagoma di una persona in movimento la quale è immediatamente uscita correndo con un sacco in mano”.

“Alla vista della vettura di servizio l’uomo, travisato ma di giovane età, malgrado l’intimazione a fermarsi ha proseguito la fuga inseguito dagli operatori della Polizia – dalla Questura fermana aggiungono – La sua corsa era, tuttavia, intralciata dal sacco e mentre stava per essere raggiunto ha lanciato il sacco ed è riuscito a dileguarsi per le vie del centro cittadino. Il personale della Volante è comunque riuscito a recuperare sia il bottino, consistente in denaro del fondo cassa, sigarette e altri oggetti per un valore di circa 500 euro, oltre agli arnesi utilizzati per lo scasso, in particolare una mazzetta che il ladro ha usato per infrangere il vetro della porta di accesso al negozio. Chiamato sul posto il titolare della tabaccheria, gli operatori gli hanno restituito gli oggetti ed i valori sottratti”.

Dalla Questura concludono: “Questa mattina, dalla visione delle immagini dell’impianto di videosorveglianza cittadina, si è accertato che pochi istanti prima dell’arrivo della Volante all’esterno dell’esercizio era presente anche un altro soggetto travisato, il palo, il quale, vista a distanza la vettura della Polizia di Stato, ha abbandonato il complice probabilmente dopo averlo avvisato dell’approssimarsi dei poliziotti. Sul luogo del reato la Polizia Scientifica e la Squadra Mobile che stanno raccogliendo tutti gli elementi per identificare i delinquenti”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.