Iniziamo con questo servizio una inchiesta approfondita sulla Stazione di San Benedetto. Tutto in collaborazione con lo studente universitario Andrea Cardinali di Monsampolo del Tronto che ringraziamo anche per la concessione delle immagini fotografiche

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – C’è una specie di sindrome di inferiorità improvvisa, nel rapporto per molti versi amichevoli che lega San Benedetto a Civitanova: la marineria, le tifoserie di calcio, quella vena un po’ folle delle cittadine di mare marchigiane cresciuta tumultuosamente nel Dopoguerra.

“Civitanova sta avanti a noi”, è oramai una frase fatta che senti dire nei discorsi da bar, quelli che sembrano senza senso ma che, ripetuti infinite volte, diventano una verità. Una verità che è stata agevolata dall’investimento miliardario della strada Quadrilatero, che fa di Civitanova Marche l’approdo costiero immediato per la popolazione dell’Umbria e non solo, mentre le conseguenze del terremoto del 2016 hanno tagliato fuori San Benedetto proprio dal riferimento più ampio delle popolazioni umbre. La bilancia, che a furia di investimenti ha reso Civitanova più attrattiva della città delle palme rispetto alla vita notturna, si è così improvvisamente sbilanciata.

Ma se c’è una cosa che più delle altre racconta le due differenti realtà nell’anno 2019, è proprio la stazione ferroviaria. Il confronto che proponiamo, proprio grazie alle foto e agli approfondimenti di Andrea Cardinali, studente universitario di Monsampolo del Tronto, è impietoso.

La Stazione di Civitanova è accogliente, dotata dei comfort necessari e attesi da un visitatore di una città di medio livello italiano. La Stazione di San Benedetto è vecchia, mal tenuta negli elementi basilari, una cartolina di immediato e negativo impatto. Vero che altre stazioni del Sud delle Marche versano nelle condizioni simili a quella di San Benedetto (Porto San Giorgio ma anche la concittadina Porto d’Ascoli), ma ribadiamo che nel piano di adeguamento di Rfi (Rete Ferroviaria Italiana) San Benedetto resta ultima tra i pensieri e i previsti rinnovamenti. Al pari di altre, forse, ma mal comune non è mezzo gaudio.

 

Sotto, la differenza tra la stazione di San Benedetto, a sinistra, con le sue barriere architettoniche, e quella di Civitanova, con ascensori e illuminazione moderna. Si noti che mentre a Civitanova vi sono le segnalazioni delle direzioni, sui pannelli gialli posti al termine della scalinata, San Benedetto presenta soltanto una parete bianca. Chi arriva non sa neanche dove deve andare.

L'immagine può contenere: una o più persone, spazio all'aperto e spazio al chiuso

Una differenza confermata ulteriormente da questa immagine: da una parte barriere architettoniche, dall’altra illuminazione, indicazioni e ascensori.

L'immagine può contenere: spazio al chiuso

 

La segnaletica orizzontale a San Benedetto e Civitanova.

L'immagine può contenere: scarpe e spazio all'aperto

A San Benedetto passamano con smalto rovinato, a Civitanova tutto a puntino

L'immagine può contenere: spazio all'aperto

 

Differenze tra le Stazioni di San Benedetto e Civitanova: i cancelli vicino alle entrate, arruginito quello di San Benedetto, pulito e con le indicazioni quello di Civitanova.

L'immagine può contenere: spazio all'aperto

 

Scopri le differenze: qual è secondo te la stazione di San Benedetto e quale quella di Civitanova?

L'immagine può contenere: spazio all'aperto


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.