MONTEPRANDONE – La “Cucina dello Spirito” riprende il suo percorso nel 2018, con una tradizione ormai irrinunciabile ed amata da tutti i suoi sostenitori. Sabato 10 novembre, alle ore 20,30, presso la sala del ristorante dell’Hotel San Giacomo, si terrà consueta la serata di San Martino, celebrata ininterrottamente da ormai dieci anni. In quest’anno la festa, tradizionalmente dedicata al vino nuovo, si gemella con l’altra bevanda alcolica più amata, ed il santo patrono delle botti inaugurate ed assaggiate ospiterà virtualmente Santa Brigida d’Irlanda, protettrice della birra.

Se San Martino è per tradizione considerato il tutore della vinificazione e dei vinai, Santa Brigida d’Irlanda è per storia ed agiografia la protettrice dei birrai, ricordando nella sua vita il miracolo di aver trasformato l’acqua in birra, in una versione parallela del primo miracolo di Gesù, quando alle nozze di Cana trasformò il contenuto di giare riempite alla fonte con vino squisito.

In questa edizione della tradizionale serata di San Martino, si metteranno a confronto queste due provviste da bere, anche impiegate come ingredienti in cucina, che si dividono le preferenze dei popoli tra Meridione e Settentrione d’Europa, all’inizio divisive per le comunità monastiche, per poi diventare entrambe fiore all’occhiello delle loro produzioni e tradizioni d’impiego, come dimostrano le diverse ricette di abbazie, monasteri e conventi createsi nel tempo.

Presente durante la serata il docente e storico della cultura gastronomica e dell’arte conviviale Tommaso Lucchetti.

 

Menù della serata

Minestra di farro e castagne (ricetta cinquecentesca del monastero domenicano di Perugia)

Stoccafisso cappuccino (ricetta tradizionale del convento dei cappuccini del Barana, Verona)

Polenta con le acciughe (ricetta tradizionale dell’abbazia di Casamari, Frosinone)

Zucca e broccoli fritti (ricetta antica e tradizionale di molti monasteri)

Risotto con radicchio e salsiccia (ricetta legata al monastero di Bosco di Monte di Piave, Treviso)

Punta di vitello ripiena (ricetta antica del monastero di Santa Maria della Neve a Torrechiara, Parma)

Fave e cicoria (ricetta antica del monastero delle clarisse di Santa Chiara ad Atri, Teramo)

Torta di frutti (ricetta ottocentesca delle clarisse di Santa Maria Maddalena a Serra de’ Conti, Ancona)

Torta di cioccolata (ricetta ottocentesca delle clarisse di Santo Stefano di Imola, Bologna)

Caldarroste (tradizione di San Martino del convento di Santa Maria delle Grazie di Monteprandone)

 


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 318 volte, 1 oggi)