TERAMO – La Samb strappa un punto al “Bonolis” impattando 0-0 contro il Teramo. Segui le interviste LIVE del post partita.

VIDEO. Il presidente del Teramo Campitelli: “Meritavamo noi”

Giovanni Zichella: “Sono soddisfatto per il punto di oggi, dopo un debutto sfortunato a Bolzano. Sono contento per il lavoro che abbiamo fatto in settimana. Io non so con quali obiettivi è venuta la Samb ma noi siamo soddisfatti perché abbiamo ripetuto la buona prestazione di Bolzano dove meritavamo di più, alla fine il risultato è giusto. Penso che il pubblico si sia anche divertito”.

Franco Fedeli: “Mi sta deludendo questa Samb. Ho sentito il loro allenatore che parla di pareggio giusto ma questa squadra ancora non va. Ho visto nomi e cognomi importanti che non rendono per quanto dovrebbero. Ho chiesto loro negli spogliatoi se fanno vita da atleta perché mancano voglia, impegno e carattere secondo me. Ho detto ai giocatori che se continuano così li lascio soli e me ne vado. Con tutto il rispetto in queste due partite abbiamo incontrato Renate e Teramo, quando incontriamo la Ternana che facciamo? Ho giocatori che costano un occhio della testa e non ne beccano una. Non so perché dopo due mesi di preparazione ancora le cose non girano. Il modulo? Non conta, quello che conta è il risultato. Più del modulo mi preoccupo per quel gol che Russotto ha sbagliato davanti alla porta”.

Alessandro Fiordaliso (Teramo): “Sono emozionato, è stato il mio esordio( è un classe 1999). E’ stato bello il primo approccio alla serie c, bella prestazione contro una buona squadra. C’è un bel salto al livello di ritmo fra la Primavera e i professionisti. Loro hanno buoni attaccanti, Stanco per esempio è difficile da arginare fisicamente e anche Calderini, che è entrato dopo non scherza. Da domani pensiamo subito alla prossima partita. Dopo un pari e una sconfitta con due buone prestazioni vogliamo vincere”.

Andrea Gemignani: “Il punto conquistato oggi ci da fiducia, certezze, equilibrio. Ora dobbia mo guadagnare qualche punto in più. Nel primo tempo siamo partiti male, dovevamo essere più concentrati e dare meno spazio agli avversari. Nella ripresa siamo andati meglio.

Giuseppe Magi: “Il presidente? Lo so che non è contento, le cose che ha detto a voi le ha dette anche a noi negli spogliatoi. Ci sono delle cose che ancora non vanno però le nostre occasioni le abbiamo avute, ci sono degli episodi dubbi in area che non mi permetto di giudicare anche se vogliono dire che abbiamo creato, li rivedrò stasera. Perché la squadra ancora non gira dopo oltre due mesi di preparazione? La storia è lunga, ci sono state le vicende di Stanco e Miceli in estate, che non sapevano se sarebbero restati ed è difficile lavorare con chi non è sicuro, abbiamo lavorato con 40 ragazzi in ritiro. E’ un altro fattore. Io credo che in questo momento non ci sia serenità fra i giocatori, hanno le potenzialità per fare bene sia il 4-3-3 che il 3-5-2 ma manca questo aspetto. Il calcio purtroppo è così, anche se parliamo di giocatori esperti le certezze possono venire a mancare. I ragazzi devono arrivare a esprimersi al meglio delle loro potenzialità e io sono qui per questo. Pressioni per me in vista di mercoledì? No, altrimenti non farei questo mestiere”.

Mirco Spighi (Teramo): “Abbiamo giocato bene e c’è il rammarico per aver preso solo un punto, meritavamo di più. In questo momento devo trovare la forma migliore. Cosa manca? Secondo me dobbiamo trovare più occasioni da gol, davanti siamo forti e se ci sblocchiamo possiamo fare bene. Per la Samb non era semplice perché venivano da una sconfitta brutta in casa. Sono forti però, come gli altri anni. Oggi per loro era una partita delicata”.

 

 


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.