SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dopo il derby perso in casa per 1 a 0 si attendono in sala stampa dichiarazioni dei rossoblu. Ottavio Palladini dovrebbe rompere il silenzio stampa.

Federico Giunti (allenatore della Maceratese): “Per vincere queste partite ci vuole un pizzico di fortuna, il rigore poteva riportare le cose in parità ma alla fine devo dire che non abbiamo rubato niente, abbiamo subito soffrire e prima della rete di Allegretti abbiamo avuto almeno un’altra occasione da gol. Questo risultato per noi vale molto, staccare il gruppo delle squadre che lottano per la salvezza ci fa affrontare la pausa molto più sereni. La Samb in crisi? Bisogna essere equilibrati nei giudizi, chi avrebbe detto a inizio campionato che a questo punto i rossoblu avrebbero avuto 31 punti. E’ vero che i risultati sono stati distribuiti male con molte vittorie all’inizio e pochi risultati a fine anno. Credo però che qui ci sia un presidente che possa cambiare, sul mercato, ciò che non va.”

Allegretti: “Oggi è andata bene, avevamo preparata bene questa partita in settimana. Era importante per i punti salvezza che ci servono, ed era importante perché era un derby molto sentito.”

Mattia Broli: “L’importante era il risultato oggi, sono 4 o 5 partite che stiamo dando il meglio e arrivano i risultati. Siamo un gruppo unito e questa compattezza si traduce in campo, rimaniamo uniti fino al 90′. Le partite si vincono anche così perché bastano pochi minuti di disattenzione per prendere un gol e perdere punti. Siamo stati bravi a reggere, da professionisti, al momento del cambio di vertice in società. Il resto della stagione, dopo l’appannamento iniziale, è stato in crescendo.”

Ottavio Palladini: “Nel primo tempo è stata una partita non bellissima, nel secondo tempo però abbiamo buttato via una vittoria, questo nel calcio accade. Mi dispiace per i ragazzi, vincere e chiudere l’annata con una vittoria era quello che volevamo. Purtroppo non è andata così e ci rimane solo una grande amarezza. Perché ha calciato Sabatino il rigore? Entrambi i rigoristi, Di Massimo e Berardocco, erano usciti.” Il mister poi a precisa domanda sulla sua situazione risponde. “Non penso assolutamente a dimettermi, c’è grande amarezza per i punti persi oggi e per i ragazzi che vivono un momento poco tranquillo. Il nostro problema principale al momento è fare gol. Fedeli sarà arrabbiato? Secondo me se è arrabbiato lo è giustamente. Perché ho sostituito Di Massimo? Secondo me perché non stava mettendo in difficoltà la difesa avversaria. C’era poi l’idea di mettere un altro esterno come Vallocchia e ho deciso di sostituire lui per primo mettendo in campo Tortolano”.

Andrea Fedeli: “Mio padre ha seguito, influenzato, la partita da Roma ed è molto arrabbiato del risultato. Non credo sia il caso di prendere decisioni con questo stato d’animo, dobbiamo aspettare. Se qualcosa succederà in settimana lo saprete. Oggi purtroppo è mancato il gol.”

(Letto 3.147 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 3.147 volte, 1 oggi)