SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Riportiamo e pubblichiamo una nota, giunta in redazione, da parte del coordinamento Club “Forza Silvio” della Provincia di Ascoli Piceno.

Il Torrente delle Fornaci, che attraversa da un capo all’altro in direzione ovest- est la città, sta diventando una cloaca a cielo aperto, urge una celere opera di bonifica e riqualificazione di tutto l’alveo del canale. Alcuni residenti della zona hanno segnalato le precarie condizioni del torrente, che insiste su vie residenziali molto popolose come Via Bianchi, Via Sardegna e Via Anacapri, ma anche Via Giulio Cesare e Via Oslavia.

Il canale risulta in uno stato di abbandono totale sia nella parte alta che interessa i quartieri di Santa Lucia e S. Antonio, che verso la foce nel quartiere Europa. Il canale, alto tre metri e mezzo e largo cinque, è invaso da una infestante vegetazione selvaggia, in cui si annidano ratti, zanzare ed insetti di ogni genere, che con l’arrivo della stagione estiva ed il conseguente periodo di secca, trovano luogo consono per riprodursi, ammorbando le abitazioni vicine.

Il letto del fiume è diventato un ricettacolo acquitrinoso di detriti, sporcizia, scatoloni, bottiglie di plastica ed utensili rotti, i quali con il passare del tempo e l’arrivo delle alte temperature, sprigioneranno odori sgradevoli per abitanti e turisti.

Sarà necessario riqualificare anche il camminamento sopraelevato collegante Via Asiago con Via Bianchi, a poche decine di metri dal Palazzo comunale, che vanta molti gradini danneggiati e le ringhiere di separazione arrugginite”.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 386 volte, 1 oggi)