MARTINSICURO – Dopo l’approvazione dello studio di fattibilità del Ponte ciclopedonale sul Tronto, prende la parola il Pd di Martinsicuro che fa sapere, attraverso un comunicato, di essere tra i principali promotori del progetto, da almeno un decennio.

Ricordiamo che di ponte ciclopedonale sul Tronto – si legge nel comunicato dei democrat truentini – si comincia a parlare già dal 2005/2006 quando nel quadro di alcuni interventi che investivano le due città coinvolte – Martinsicuro e San Benedetto – venne stipulato un accordo tra Provincia di Ascoli Piceno e Teramo e Autorità di Bacino con la previsione tra le altre cose anche dello spostamento del depuratore di Martinsicuro e la realizzazione di canalizzazioni verso il depuratore della Sentina con condotte che sarebbero passate su un ponte di legno che avrebbe garantito il collegamento ciclopedonale tra l’area archeologica di Martinsicuro e il Parco Sentina. L’allora amministrazione di centrosinistra lavorò molto con l’amministrazione Gaspari per realizzare questa ipotesi di lavoro.

Poi il tavolo si era interrotto a causa del modificarsi degli assetti politici tra province e amministrazioni comunali che si sono susseguite e che forse non hanno ritenuto questo intervento fosse una priorità.

Oggi possiamo dire di aver avuto ragione nel sostenere che i tempi erano maturi soprattutto perchè a governare le due Regioni coinvolte c’è il PD che ha sempre mostrato grande sensibilità ed interesse verso i temi della mobilità dolce. Tanto che in Abruzzo ora più che mai il PD al governo regionale ed in particolare l’Assessore Dino Pepe con delega la cicloturismo stanno investendo molto sul tema della ciclopedonalità.

Sentivamo che questa fosse la volta buona e per tale ragione come circolo ci siamo impegnati con i nostri referenti a parlare di questo tema e a chiedere l’impegno massimo per la realizzazione di un’opera strategica per i nostri territori anche nell’ottica della creazione della MacroRegione Adriatica nonché del cosiddetto corridoio Verde Adriatico.

A Martinsicuro infatti nel luglio 2015 in un’iniziativa del PD locale, alla quale era stata coinvolta anche l’amministrazione di San Benedetto del Tronto, l’Assessore Pepe prometteva un impegno concreto in tal senso. Impegno che è stato ribadito nel tavolo congiunto organizzato il 23 ottobre 2015 dai circoli PD di Martinsicuro e San Benedetto del Tronto e che ha visto protagoniste le due regioni Marche ed Abruzzo con i rispettivi assessori Pepe e Casini e dal quale è scaturita la data del 27 novembre per l’attivazione di un tavolo con tutti gli Enti coinvolti.

In quel tavolo sono stati fissati gli obiettivi e i passi per arrivare a trovare i finanziamenti necessari. Ora, con lo studio di fattibilità in mano, si passa al secondo step che è quello della intercettazione dei fondi. Noi continueremo a sollecitare, come abbiamo sempre fatto per tutte le iniziative importanti per Martinsicuro.

Del resto le risposte cominciano ad arrivare. Il nostro lavoro, forse poco visibile e seppur dall’opposizione, dà i suoi frutti.

Ricordando anche le numerose richieste agli assessori regionali nelle iniziative del PD locale (es.gennaio 2015) affinchè si potessero trovare finanziamenti per intervenire sul Ponte del Vibrata, come da notizia di qualche giorno fa c’è l’impegno concreto della Regione a risolvere anche questa situazione.”

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 476 volte, 1 oggi)