SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Una bella giornata di sole ha accolto i numerosi carabinieri in concedo ed i loro familiari che hanno partecipato al 5° raduno interregionale a San Benedetto del Tronto.

Sono giunti da molte regioni italiane, un gruppo numeroso proveniente dalla lontana Sassari ha soggiornato nella nostra città sin da giovedì scorso, altri sono giunti in mattinata da Caserta, Rieti, Cento ed altre località delle regioni limitrofe, numerose le sezioni delle Marche.

L’appuntamento era nella  Chiesa di San Pio X per assistere alla  Santa Messa celebrata da S.E. Monsignor Carlo Bresciani, Vescovo della diocesi di San Benedetto del Tronto, Ripatransone, Montalto Marche in memoria dei caduti a Nassiriya.

All’uscita dalla Chiesa si è formato un lungo corteo che si è messo in marcia verso la Rotonda Caduti di Nassiriya  passando accanto al monumento coperto da un grande drappo tricolore e davanti alla tribuna sulla quale avevano preso posto tutte le autorità intervenute. In prima fila il Vicecomandante generale dell’Arma dei Carabinieri Gen. Di C.A.  Vincenzo Giuliani, il Presidente Nazionale dell’Associazione Nazionale Carabinieri Gen. C.A. Libero Lo Sardo, il comandante della Legione Carabinieri Marche Gen. B. Marco Mochi, il Presidente della Regione Marche, il Prefetto, il Presidente della Provincia, il Vicesindaco di San Benedetto Fanini, il comandante della compagnia Maggiore Pompeo Quagliozzi ed alti ufficiali delle altre forze armate e di polizia, presenti anche l’onorevole Agostini ed i colleghi già parlamentari sanbenedettesi Giuliano Silvestri e Gianluigi Scaltritti.

Al termine della sfilata le bandiere delle sezioni, i labari dei comuni ed i gagliardetti delle associazioni combattentistiche e d’arma  si sono schierati attorno al monumento, mentre  due Carabinieri in Grande Uniforme, posizionati ai lati dello stesso, svolgevano il servizio d’onore. Al suono dell’inno del Piave, i reduci di Nassiriya, Maresciallo Rocco Bozzo e l’Appuntato Marco Pinna, hanno scoperto il monumento  fra gli applausi dei presenti.

Subito dopo sono stati resi gli onori ai 19 caduti: al suono del silenzio fuori d’ordinanza  due soci vi hanno deposto una corona d’alloro. La cerimonia si  è conclusa con  la benedizione del monumento da parte del Vescovo Carlo Bresciani.

Lo speaker della cerimonia, la dottoressa Francesca Vagnoni, dopo aver dato una breve descrizione dell’opera “MAI PIU’ NASSIRIYA”  invitava a prendere la parola l’Ispettore regionale ANC Gen. B. Tito Baldo Honorati per poi passarla al Vicesindaco Fanini ed al  Gen C.A. Vincenzo Giuliani,  concludeva la cerimonia celebrativa l’intervento del  Presidente Nazionale Gen. Libero Lo Sardo.

Tutti gli interventi hanno messo in risalto il vile attentato contro gli italiani che erano presenti per portare aiuto alla popolazione Irachene  martoriate dalla guerra;   apprezzamenti per l’associazione ANC di San Benedetto per l’iniziativa tesa a ricordare i caduti,  elogi sono stati rivolti agli scultori Emidio Sturba e Giuseppe Straccia per la bella opera realizzata con travertino ascolano e ceramiche che hanno dato i colori alla  bandiera italiana.

Interessanti le iniziative che sono state inserite nel programma del  sabato: l’incontro dei giovani delle scuole superiori con i due reduci di Nassiriya, l’esibizione dei cani del gruppo cinofili di Jesi in via Buozzi e l’interessante musical dei Rompibolle che è stato proposto nella sala del Palariviera il cui ricavato in parte  sarà devoluto alla nostra Associazione.

L’Associazione sente il dovere di ringraziare gli sponsor e tutti coloro che, gratuitamente, hanno offerto la loro collaborazione: il nostro concittadino amministratore della SEDIF di Ascoli P., la Marconi Freddeeurope di Porto D’Ascoli, le ditte Cardi e Tancredi di Acquasanta Terme, gli albergatori Fausto Calabresi e Filippo Olivieri ed i Lions e Rotary cittadini per la loro vicinanza e solidarietà.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.214 volte, 1 oggi)