SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un fasciatoio con cassetti, due lavabi ostetrici, tre monitor sala travaglio, un carrello porta monitor, un’incubatrice, un letto parto HillRom, un infant warmers (ginevri), due carrelli resina, cinque testate letto – luci, sono parte dell’elenco del materiale e degli strumenti che la casa di cura privata “Stella Maris” ha donato al dispensario d’Ithanga, a Nairobi, in Kenya.

La lista è quanto resta del Reparto di Ostetricia e di Ginecologia che, diretto dalla dottoressa Paola Cicconi, è stato chiuso due anni fa dalla Regione Marche per una mera questione di numeri di parti all’anno. Con il pieno consenso della dottoressa Cicconi e grazie al dottor Giorgio Tordini, anestesista a “Stella Maris”, amico della dottoressa Cristiana Micucci, odontoiatra che trascorre circa un mese all’anno a Nairobi a dare una mano, volontariamente, all’onlus San Martino, quindi ad operare al dispensario (sarebbe meglio chiamarlo Poliambulatorio d’Ithanga), il vertice della casa di cura privata “Stella Maris”, vale a dire il professor Carmine De Nicola, con il figlio, il chirurgo Pierpaolo, il direttore sanitario, Piero Ripani e il direttore amministrativo, Carlo Pagliaricci, ha formalizzato la donazione del materiale e degli strumenti sanitari.

A Nairobi, se non sorgeranno intoppi, dovrebbero arrivare a novembre, quando scatterà la seconda fase: la sistemazione nel container indirizzato al Poliambulatorio. Che, puntualizza la dottoressa Micucci: “E’ il punto di riferimento sanitario degli abitanti dell’immensa area dell’Africa, per medicazioni, punti di sutura, test sulla malaria e via dicendo e, dal 2000, anche Centro odontoiatrico di cui mi occupo personalmente, con l’odontotecnico Fabrizio Catalini e il tecnico Claudiano Alesiani che cura la manutenzione e mette a posto tutte le macchine sanitarie. Ultimamente e per questo è oro colato la donazione della casa di cura privata Stella Maris – la conclusione della dottoressa Micucci – grazie anche ad una suora infermiera, è stata attrezzata nello spazio che un tempo era occupato dalla scuola di taglio e cucito, anche la sala parto”.

Soddisfatto il vertice della casa di cura privata Stella Maris: “Il materiale e gli strumenti sanitari che non usavamo più contribuiranno a dare nuove vite”, ha sottolineato il professor De Nicola dopo aver incaricato il dottor Pagliaricci a mettere in atto quanto è necessario per far partire il container a novembre. “Siamo felici dell’iniziativa di solidarietà – la conclusione del dottor Pierpaolo De Nicola – perché siamo certi che, con la dottoressa Micucci, sarà molto utile al Poliambulatorio di Ithanga”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.135 volte, 1 oggi)