GROTTAMMARE – La XXIX edizione del “Cabaret amoremio!” si è conclusa decretando il successo di Emiliano Petruzzi, attore comico partenopeo del Civico 118 Comic Production.

Il monologhista alla continua ricerca della visibilità tra situazioni grottesche e drammi esistenziali, ha conquistato la giuria del Festival al Parco delle Rimembranze nelle serate del 2 e 3 agosto.  Utilizza l’autoironia come arma vincente e si definisce “uno sciagurato con ampi margini di peggioramento”.

La giuria del festival, all’unanimità, lo ha premiato con la seguente motivazione: “Per l’originalità del suo personaggio, per la freschezza dei testi arricchiti da una vena comica dal retrogusto amaro e per le caratteristiche di un potenziale inserimento nel panorama del cabaret nazionale”.

Petruzzi che è anche regista e autore, dopo l’avventura grottammarese continuerà ad esibirsi e ad incontrare il pubblico per tutta l’estate portando i suoi show sui principali palcoscenici ed arene del Paese.

Consenso del pubblico anche per il vincitore del Premio della Stampa, Massimiliano Falconi. Con il suo personaggio “nonno Filì”, il fermano ha conquistato gli operatori dell’informazione che gli hanno tributato una targa, consegnatagli dal consigliere dell’Ordine dei Giornalisti delle Marche, Patrizio Patrizi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 649 volte, 1 oggi)