NERETO – Raid vandalico nella notte al teatro Brecht di Nereto con una serie di danni fortunatamente tutti sistemati nell’arco della giornata di oggi. A renderlo noto il vicesindaco Daniele Laurenzi: “La scorsa notte – afferma in una nota – il nostro paese è stato purtroppo oggetto di raid vandalici, devastazioni e danneggiamenti del patrimonio pubblico. L’ anfiteatro “Brecht”,  teatro all’aperto  dell’Estate Neretese, che  come ogni anno accoglie numerose compagnie teatrali, oltre a spettacoli e concerti di altissimo valore culturale, è stato riempito da frammenti di vetro di numerose bottiglie rotte, immondizie varie, muri imbrattati da vernice spray e lampioni della pubblica illuminazione devastati. In particolare è stato seriamente danneggiato il nuovo orto con annesso percorso pedonale, attiguo all’anfiteatro, realizzato da pochi giorni per dare maggior decoro ad una zona nevralgica soprattutto in occasione delle manifestazioni estive. Sempre la scorsa nottata, ignoti si sono introdotti dentro la scuola materna, anche lì compiendo atti vandalici e danneggiamenti. Purtroppo l’Anfiteatro è ogni notte ridotto in queste condizioni e anche nella scuola Materna di Via Verdi è l’ennesimo episodio di intrusioni notturne.

L’amministrazione – prosegue Laurenzi – procederà a denunciare gli atti alle forze dell’ordine per risalire ai responsabili delle ignobili azioni compiute, e grazie al lavoro del nostro personale, ha già ripristinato il nuovo orto pubblico, pulito e disinfettato tutti gli ambienti. A seguito di queste ennesime devastazioni da parte di ignoti mi farò personalmente promotore di due provvedimenti : istallare immediatamente delle telecamere in modo da poter individuare e denunciare gli artefici di gesti stupidi e incivili che recano un danno e una spesa aggiuntiva alla collettività, e proporrò al sindaco di firmare un’ordinanza anti-bivacco per il decoro pubblico, per evitare il bivacco sul territorio comunale, con particolari restrizioni per il centro storico, causa, molto spesso di condizioni igienico-sanitarie precarie, procurate dall’incontrollato abbandono di rifiuti e di oggetti di ogni genere, anche pericolosi per la pubblica incolumità come vetri e siringhe. Essendo materialmente impossibile per l’amministrazione comunale vigilare costantemente sul comportamento dei soggetti responsabili, e non potendo ogni giorno concentrare il personale per riparare e pulire le stesse zone del paese, distogliendoli dalla programmazione settimanale, occorre adottare subito questi due strumenti, in modo da dotare anche i Vigili Urbani e le Forze dell’Ordine di validi strumenti, evitando la pratica notturna del bivacco e i danneggiamenti oltre alle situazioni critiche di carattere igienico-sanitario. Senza tralasciare inoltre la preoccupazione e l’allarme sociale, che tali comportamenti ingenerano, acuendo anche il senso di insicurezza della popolazione. Insicurezza che purtroppo si percepisce anche di giorno alla luce del sole”. 
Laurenzi denuncia inoltre la presenza, alcuni giorni fa, di tossicodipendenti nei pressi dell’Anfiteatro intenti ad iniettarsi dosi incuranti di bambini che giocavano nelle vicinanze dell’orto pubblico.
Il vicesindaco associa l’episodio alla vicina presenza del Sert: “Mi spiace dirlo – prosegue – ma la presenza del Sert in pieno centro non aiuta perché, se è vero che molti ragazzi vengono seriamente per disintossicarsi, e devono essere aiutati per uscire dal tunnel della droga, altri forse vengono non per ricevere aiuto ma per fare altro, e questo non è più tollerabile. Occorrono delle iniziative concrete e massima collaborazione con tutte le Istituzioni”.
“Nereto – conclude Laurenzi – da sempre si è operato per difendere, diffondere e promuovere i valori della convivenza civile della pace e democrazia, anche grazie all’operato delle passate amministrazioni. Noi amministratori oggi non possiamo permettere che la sensibilità, la solidarietà ed i valori di pacifica convivenza nel rispetto degli altri, vengano infangati dai disvalori di pochi”.
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 522 volte, 1 oggi)