Sabato sera vuoi mangiare una pizza.

Apri lo smartphone (o il computer) e scopri che tra le due pizzerie da te preferite, una ha deciso di concedere uno sconto del 20% sul prezzo ai primi 10 clienti che si presenteranno con la Sea Card.

Cosa sceglieresti?

Questa è soltanto una tra le tantissime utilità che comporta il progetto Sea Card, ideato dall’azienda Sunsharing di Alessio Lossano, giovane imprenditore 29enne, e Lorenzo Amadio.

Sea Card è all’avanguardia a livello nazionale: “Mentre le altre iniziative implementate in Italia constano di un servizio accessibile soltanto a pagamento da parte degli utenti, in questo caso l’accesso è libero” spiega Lossano. Alberghi, stabilimenti balneari, ristoranti, negozi, attività di servizi possono così entrare in una rete – al momento provinciale, comprendente 10 comuni (San Benedetto, Ascoli, Grottammare, Monteprandone, Cupra, Acquaviva, Ripatransone, Offida, Montedinove e il reatino Accumuli), ma in prospettiva molto più vasto.

Per usufruire dei servizi della Sea Card è sufficiente avere una qualsiasi connessione internet: sul sito www.seacard.it oppure accedendo attraverso le applicazioni smartphone è sufficiente una semplice registrazione (qui alcune offerte http://www.seacard.it/offerte.php).

Sea Card è pensata certamente per offrire al turista le agevolazioni sui prezzi e le informazioni sugli eventi in tempo reale – continua Lossano – ma è ugualmente fruibile dal cittadino residente durante tutto l’anno”.

Si tratta dunque di un “matrimonio” tra la rete turistica e commerciale locale e le più innovative applicazioni tecnologiche: “Attraverso di essa gli operatori turistici e commerciali, attraverso una semplice scheda, possono gestire il proprio marketing direttamente, comunicandolo a migliaia di persone e senza alcun tipo di vincolo”.

“Nel giro di qualche anno potrebbe diventare uno strumento essenziale per l’incoming turistico nel Piceno: si pensi che già quest’anno abbiamo promosso il territorio perché importante testate nazionali si sono interessate al nostro progetto, ritenendolo innovativo. Parlo di Sette del Corsera, Il Mondo, Tutto Gratis, Tele+, DiPiù”.

Nonostante forse qualche fraintendimento iniziale, Lossano ci tiene a precisare che “Sea Card è un prodotto di Sunsharing, azienda privata, che punta su questa iniziativa per avviare un circuito economico locale, tra informazione e convenienza, tra innovazione e opportunità. Se questo progetto verrà esportato, sarà un progetto di rilevanza nazionale nato a San Benedetto, con consulenze e intelligenze di tutto il Piceno”.

Insomma, con Sea Card il futuro è arrivato, e si chiama Social Tourism and Commerce.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 701 volte, 1 oggi)