SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Paolo Gaetani, avvocato difensore di Sergio Spina, precisa circa il comunicato del presidente della Samb Roberto Pignotti.

“Occorre conoscere le pratiche giuridiche. La Samb ha chiesto, a tutela del presunto credito nei confronti di Spina, il sequestro cautelativo per 211 mila euro. Il giudice, senza ascoltare Spina, in questi casi procede al sequestro e poi convoca l’altra parte. Quindici giorni fa abbiamo parlato con il giudice che quindi, ascoltate entrambe le parti, ha emesso il provvedimento con il quale non si rinviene il diritto di credito della Samb verso Sergio Spina e a conferma di questo dissequestra i 211 mila euro: cosa vogliamo più di questo?”.

Secondo Gaetani la Samb dovrebbe persino pagare le spese legali “anche se, certo, ci troviamo ad una fase del procedimento cautelativa, e Pignotti e Bartolomei possono ricorrere, se lo vorranno, entro 15 giorni”.

Gaetani domani incontrerà Pignotti: “Ma non per questa vicenda, perché l’appuntamento era fissato da giorni e il provvedimento del giudice poteva essere emesso anche lunedì prossimo. Io domani parlerò con Pignotti, che detiene il 70% delle quote della Samb, non come avvocato di Spina ma come rappresentante del gruppo che vuole acquistare la Samb, e successivamente parlare con i creditori della Rdp, di cui Pignotti è amministratore, per verificare la situazione relativa alla ultimazione dei lavori per lo stadio”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.456 volte, 1 oggi)